Honda e Red Bull: prosegue la collaborazione verso il carburante bio

Il marchio nipponico, all’interno del suo centro ricerche che si trova in quel di Sakura, sta cercando di mettere mano alle power unit che la scuderia Red Bull dovrà obbligatoriamente mantenere per tutto il triennio che va dal 2022 fino al 2024. I tecnici del colosso nipponico stanno provando a fare in modo che il motore riesca a rimanere il più competitivo possibile anche adottando il nuovo carburante bio E10, che farà il suo debutto nel campionato del mondo di F1 a partire dalla prossima stagione.

Mean Mover V2

Mean Mover V2: viaggia a 240 km/h, ma è… Un tagliaerba!

Mean Mover V2

Prende il nome di Mean Mover V2 ed è un gioiellino che è stato realizzato da Honda. Più nello specifico, il lavoro è stato eseguito dalla divisione corse del BTCC, il Team Dynamics. Una vettura? Non proprio, dal momento che si tratta del tagliaerba più potente al mondo. Sì, avete capito bene, dato che questo tagliaerba riesce a sprintare da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi. Senza dimenticare come tocchi perfino i 240 km/h.

Honda Sport EV Concept

Honda Sport EV Concept, interessante prototipo sportivo ad emissioni zero

Honda Sport EV Concept

Il marchio Honda sta cercando di virare sempre di più verso il comparto elettrico, ma con tutta la calma del mondo. È quello che ha sottolineato per l’ennesima volta Takahiro Hachigo, presidente e CEO dell’azienda giapponese, nel corso della 45esima edizione del Salone di Tokyo. Un evento perfetto per togliere i veli alla nuova Honda Sport EV Concept. Si tratta di un prototipo di un’auto sportiva a ridotte dimensioni e a zero emissioni.

Sauber motori Honda

Sauber, l’accordo per i motori con Honda è quasi fatto!

Sauber motori Honda

Sauber e Honda andranno a braccetto nel 2018? Sembra che questa ipotesi ben presto potrebbe tramutarsi in un vero e proprio accordo. Infatti, dovrebbe mancare solo qualche giorno prima che arrivi la ratifica definitiva dell’accordo. La data fissata da tutti gli esperti è quella del 6 maggio prossimo. Non si tratta di una data a caso. Infatti, è la scadenza è quella stabilita dalla FIA per la notificazione delle associazioni tra team e motore per la prossima stagione.

McLaren

McLaren, ciao Honda: dal 2018 motori targati Mercedes?

McLaren

McLaren sarebbe ormai arrivata alla fine del rapporto motoristico con la Honda. Sul tavolo si discute la potenza e l’affidabilità del propulsore. I test che precedono l’inizio della stagione di Formula 1 hanno fatto emergere una situazione particolarmente grave in casa McLaren. Infatti, il propulsore Honda risulta essere certamente quello con i maggior difetti e il meno affidabile dell’intero plotone. La scuderia inglese, infatti, non è mai stata in grado di avvicinarsi alle prestazioni di Ferrari e Mercedes.

Anche Alonso in MotoGP nelle giornate delle Honda

In fondo appartengono alla stessa grande famiglia sportiva. Parliamo di Alonso, Pedrosa e Marquez. E sono anche tre spagnoli, cosa dire di più? Nei giorni dedicati alla Honda provano ad unirsi ed è il pilota F1 che si presta al motogp. Ecco cos’è successo. 

La vittoria al vetriolo di Lorenzo

Lorenzo vince a Valencia e vince anche il motomondiale ma lo spettacolo di Valencia non piace agli sportivi e soprattutto ai tifosi di Valentino Rossi che davanti alle telecamere non nega il suo rammarico verso un titolo che gli è stato negato da una penalizzazione considerata eccessiva.

Quali case automobilistiche hanno airbag difettosi

Sotto accusa i prodotti della Takata, l’azienda giapponese leader nella costruzione degli airbag che nel mondo gestisce il 20% delle forniture per tantissime case di produzione. Alla gogna un difetto nel deterioramento del gas propellente che serve per far gonfiare l’airbag dopo l’impatto. In pratica si attiva improvvisamente e si perde il controllo dell’auto. 

Ferrari spende 40 milioni in tecnologie utili per la F1

La Ferrari deve essere assolutamente testata prima di andare in pista perché l’anno scorso la stagione è stata pessima e non si può ripetere una nuova débacle. Per cui c’è anche bisogno d’investire in tecnologie. Ad esempio il tappeto volante da 40 milioni di euro.

Sulle power unit la Honda prova a convincere la FIA

Sullo sviluppo delle power unit c’è ancora molto fermento perché da un lato ci sono le decisioni ufficiali della FIA e dall’altra ci sono gli interessi delle varie case automobilistiche. L’ultima in ordine di apparizione è l’opinione della Honda. Ecco cosa ha detto.