Lorenzo alla Ducati, l’ingaggio vale 25 milioni di euro

Il campione del mondo in carica, Jorge Lorenzo, cambia casacca e ormai è ufficiale il suo passaggio dalla Yamaha dove si contende il primato interno con Valentino Rossi, alla Ducati, dove farà i conti con un altro italiano: Dovizioso, o anche Iannone. 

Davies-Ducati la coppia che fa il pieno

In California a Laguna Seca quello che si è visto da parte della Ducati di Borgo Panigale è stato un autentico spettacolo. Davies, il pilota britannico, ha dominato la seconda manche davanti alle Kawasaki di Sykes e Rea. Quello che si è visto è anche un incidente che ha messo fuori gioco Giugliano. 

Gioie e dolori della Ducati con il Dovi deluso

La prima parte della stagione può essere archiviata con soddisfazione da Iannone, il pilota della Ducati è molto contento di come sono andate le gare disputate. A differenza del suo compagno di squadra che ritiene già pesanti gli ultimi due ritiri. Le loro dichiarazioni. 

Iannone cade ma a Le Mans sarà presente

Si sa che quando c’è un italiano in corsa, anche i meno esperti di motori, di F1 e di MotoGp, diventano i tifosi più sfegatati. Ecco allora che alla notizia dell’infortunio di uno dei nostri, sul web si scatena un tam tam di solidarietà, ma niente paura, sembra che Iannone sarà presente a Le Mans. 

Quanto costa la passione per la moto sportiva?

La voglia di mettere in garage una bella moto sportiva dalle prestazioni eccezionali è sempre più forte e i dati di Eicma 2014 lo testimoniano. Sono in crescendo gli appassionati di moto sportive meglio se di derivazione racing. Tuttavia per questo genere di veicoli non basta la passione ma servono anche un bel po’ di soldi. 

Il futuro Ducati nelle competizioni

Il risveglio di Valentino Rossi al debutto della MotoGP sulla Yamaha, sta ponendo forti interrogativi, anche se prematuri, sulla Ducati, sul suo passato ma soprattutto sul suo futuro, dopo la partenza non solo del Dottore, ma anche di altri due big del reparto corse, Filippo Preziosi e Gabriele del Torchio. Max Biaggi nelle nuove vesti di commentatori ha visto un Valentino resuscitato, e molto probabilmente dalla moto, mentre la Ducati non è stata capace di trattenerlo con un progetto concreto. Per Preziosi sicuramente l’abbandono per motivi di salute è stato forzato, mentre Del Torchio sta ancora definendo il suo passaggio in Alitalia, ma la cosa sembra fatta. L’Audi ancora non sembra aver sviluppato una valida alternativa, almeno per quest’anno.

Preziosi lascia la Ducati

L’ingegnere Filippo Preziosi lascia la Ducati per motivi di salute dopo ben 19 anni. Uno degli uomini simbolo delle corse di Borgo Panigale, ex Direttore Generale Ducati Corse e fino a ieri, da quando è subentrata la nuova proprietà, Direttore Ricerca & Sviluppo Ducati Motor Holding, dà le dimissioni attraverso un comunicato stampa che recita:

Promozione Ducati

La Ducati ha fatto partire il 15 febbraio la sua promozione per offerte sconto su acquisto, tagliandi e ricambi che coinvolge i modelli Multistrada 1200, 1199 Panigale e Monster. Per gli acquisti la promozione sarà la Ducati Financial Services, e terminerà il 30 aprile, mentre per i ricambi ed i tagliandi l’offerta prende il nome di Ducati Service Warm-up, ed è già partita in gennaio per terminare il 15 marzo.

La Ducati alla conquista del Brasile

Il rilancio Audi della Ducati passa anche dai mercati emergenti, punto irrinunciabile per qualsiasi azienda, specialmente in questo periodo di forte crisi e a maggior ragione per la rossa italiana, che vede l’80 per cento della propria produzione venduta all’estero. Il Brasile è uno dei paesi a più forte crescita e rientra a pieno titolo nel piano di espansione di Ducati, che ha appena annunciato l’apertura di una sua filiale a San Paolo, la capitale dell’industriale e della finanza del grande paese sudamericano.