adesivi per la moto

Guida alla scelta degli adesivi per la moto

Tutti i motociclisti sono sempre impegnati nel tentativo di proteggere la propria moto e fare in modo che essa si conservi sempre intatta e perfetta nel corso del tempo. Anche per questa ragione, in molti casi si decide per puntare sugli adesivi resinati per moto, che rappresentano una soluzione semplice e al tempo stesso efficace, ma soprattutto comoda e pratica, per mettere in risalto il design della moto e proteggerla il più possibile. Il settore degli adesivi 3D per moto è senza dubbio eterogeneo, e di conseguenza in alcuni casi può apparire complicato riuscire a trovare il prodotto più adeguato alle proprie necessità.

adesivi per la moto
adesivi per la moto
accessori moto

Accessori moto: come preparare un kit per ogni evenienza

accessori moto

Chi viaggia spesso in moto sa che a volte avere a disposizione particolari accessori moto consente di continuare il percorso, senza dover contattare un meccanico specializzato, evitando quindi spese elevate, disguidi di vario genere e, soprattutto, di interrompere il divertimento. I motociclisti accorti si muovono portando con sé alcuni accessori di primo soccorso di fondamentale importanza, la cui presenza diviene più importante, ovviamente, quando si progetta di seguire lunghi percorsi, ma che possono servire anche durante la gita vicino a casa. Del resto molti di questi accessori moto sono utili anche quando restiamo a casa e decidiamo di dedicarci alla manutenzione ordinaria, o straordinaria, del mezzo.

L’Associazione Moto contro il pedaggio autostradale

b_p-60573-abstr_img-autostrada

I motociclisti in Italia devono pagare lo stesso pedaggio autostradale che sborsa un’automobile, nonostante l’evidente differenza tra i due tipi di trasporto. Solo per quel che riguarda l’usura del manto stradale ad esempio chiaramente quelli ha quattro ruote incidono molto di più. Naturalmente succede solo in Italia, e la Federazione europea dei motociclisti mostra i dati in suo possesso: in Gran Bretagna, Norvegia, Danimarca e Repubblica Ceca non è applicato nessun pedaggio alle moto, mentre in Francia, Austria, Grecia e Turchia il risparmio è tra il 30% e il 50% rispetto all’auto. In Germania e Olanda si pagano solo dei tratti particolari come gallerie e ponti.

Incidenti due ruote: diminuiscono le vittime

I dati ufficiale sugli incidenti stradali diramati la scorsa settimana hanno evidenziato un calo delle vittime da incidenti in moto in base al periodo 2007-2011 che si era aperto con 1.540 morti per chiudersi con 1.088, un -29,3%, che inverte anche la tendenza del quinquennio precedente, dal 2000 al 2005, che invece aveva visto in crescita il numero dei morti passando dall’iniziale 1.378 a 1.505 alla fine del periodo, con un incremento di 127 vittime, +9,2%.

Marmittamia: la moto per le donne

Donne e motori sono stati sempre visti con degli stereotipi ma come tutti gli stereotipi spesso la verità è diversa e lontana da questi. E mai come in questi ultimi anni la donna si è avvicinata al mondo delle due ruote, lo scooter prevalentemente ma anche cilindrate più grandi fino a vedere “centaure” di tutto rispetto su grandi cilindrate. Nasce così “Marmittamia”, un circolo, affiliato alla Uisp, dedicato alle donne motocicliste e fondato da Germano Penazzi e Isabel de Maurissens, rappresentato anche da un sito web per avere tutte le informazioni sulle iniziative.

Yamal: il sidecar advendure old style

La Ural è un’azienda siberiana produttrice di moto e sidecar old style di ispirazione BMW degli anni ’50 metà del Novecento, con un tipo di tecnologia esattamente identico a quello di quegli anni, senza nessun congegno elettronico, ma solo tanta meccanica. Dove sarebbe il vantaggio di comprare una moto o un sidecar Ural si domanderà il lettore. Ebbene la risposta è che l’azienda russa fabbrica produzioni limitate per un clientela d’élite, pochi avventurieri old style fanatici di questo tipo di mezzi.

Lit Motors C-1: la moto che resta sempre in piedi

La Lit Motors è un’azienda motociclistica della California che ha messo a punto un particolare prototipo di moto che non cade mai, grazie ad un particolare sistema di bilanciamento per evitare le cadute laterali. Un prototipo innovativo anche se non sappiamo se avrà successo, vista la particolarità dell’intero progetto e la poca somiglianza ad una moto, a parte le due ruote. Comunque dopo anni di studi, l’azienda sembra pronta a commercializzarla nel 2014.

Moto più semplici e sicure per il traffico cittadino e la crisi

La crisi economica, il caro carburanti e le nuove disposizioni in alcune citta italiane come la zona C di Milano stanno portando le case motociclistiche a rivedere il concetto dei loro modelli, per renderli più semplici, sicuri ed economici e conquistare fette di mercato al mondo degli scooter. Le enduro stradali di cilindrata medio-grande sono il segmento con sette delle 10 moto più vendute, questo perché sono semplici, comode e versatili, dal tragitto casa-ufficio alle vacanze estive in due due zaini.

Bracciale salvavita provato positivamente nel campionato CIV

È tempo di bilanci per il bracciale Sa.Me.Da. L.I.F.E. provato per un anno dai 130 piloti del campionato CIV 2012 e le reazioni sono state tutte soddisfacenti. Si tratta di un bracciale contenente tutti i dati personali, sanitari e amministrativi dei piloti che possono cosi essere letti velocemente sia in caso di incidente, già in ambulanza, che in seguito per quel che riguarda la normale routine medica degli sportivi in modo da migliorare la sicurezza medica e personale del pilota.
Il bracciale nasce dalla collaborazione tra la Federazione Motociclistica Italiana e Motivegeeks Labs, di cui Ivan Capelli, ex pilota Ferrari, è proprietario.