Italdesign Giugiaro Frazer Nash al Salone di Ginevra

di Redazione Commenta

Il nome Frazer Nash rievoca un marchio inglese che ha contribuito non poco a scrivere capitoli di storia..

Tra le tante anticipazioni su ciò che vedremo al Salone di Ginevra, troviamo particolarmente interessante il concept Frazer Nash dello studio Italdesign Giugiaro. In queste ore è stato rilasciato uno dei primi teaser riguardante il nuovo progetto dello storico designer italiano ed è accompagnato da una didascalia decisamente esplicita ed eloquente: “l’auto ibrida più veloce al mondo”.

Questo non poteva non solleticare la nostra curiosità, Giugiaro ha sempre proposto studi di automobili molto ricercate stilisticamente e ricche di contenuti tecnologici.


L’immagine a nostra disposizione raffigura un’automobile di impostazione palesemente sportiva; sono riconoscibili i tratti della scuola Giugiaro, i tagli netti e sfuggenti su una linea chiaramente disegnata per offrire la minore resistenza aerodinamica.

Sulle specifiche meccaniche, sul tipo di propulsori che muoveranno la Frazer Nash ancora nessun dettaglio certo, ma il corredo di rumors allegati al rilascio della prima immagine parla di prestazioni altissime. Volendo dar voce a queste indiscrezioni l’auto sarebbe accreditata di una velocità massima vicina ai 300 km/h, rendendola appunto la sportiva ibrida più veloce al mondo.

Il nome Frazer Nash rievoca un marchio inglese che ha contribuito non poco a scrivere capitoli di storia dell’automobilismo sportivo. Le auto Frazer Nash, costruite artigianalmente, si sono imposte in competizioni leggendarie come la Targa Florio in Sicilia, la Mille Miglia e la 24 ore di Le Mans.

Non conosciamo realmente le motivazioni che hanno spinto Giugiaro a denominare Frazer Nash il nuovo concept, ma sicuramente avremo modo di approfondire in occasione della presentazione ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>