Infiniti Essence, la più bella del reame

di Redazione Commenta

Anche gli interni, dei quali non sono state diffuse immagini dettagliate, sono stati..

Se non la più bella può tranquillamente giocarsi il primato con le coupé più blasonate che verranno svelate nel corso di questa prima giornata di apertura del Salone di Ginevra. La Infiniti Essence è stata tenuta finora ben nascosta agli obiettivi indiscreti; paparazzarla è stato praticamente impossibile.

Oggi però è necessario mostrare le carte e dobbiamo dire che le fantasie che ci aveva instillato, mostrando la foto di un unico dettaglio qualche settimana fa, sembrano concretizzarsi.


La Essence, nasce come auto commemorativa dei venti anni di attività del marchio Infiniti; le immagini ufficiali mostrano un complesso lavoro di ricerca delle forme che si sono tradotte in un’automobile decisamente bella, con un impatto emozionale elevato. Linee morbide e flessuose, che si combinano in un sapiente mix di tradizionale sportività e soluzioni d’avanguardia.

Anche gli interni, dei quali non sono state diffuse immagini dettagliate, sono stati annunciati in tono con l’esclusiva immagine della carrozzeria. Tutta la strumentazione sarà concentrata verso il guidatore separato dal passeggero da un imponente tunnel centrale.
La Infiniti Essence sarà sontuosamente mossa da un 3.7 litri V6 biturbo, alimentato a benzina e abbinato ad un motore elettrico.


Una soluzione ibrida quindi, già definita Performance Hybrid per via dei 600 cavalli gestiti da una innovativa trasmissione a sette rapporti e doppia frizione.

Un bell’inizio per la nostra cronaca sul Salone di Ginevra; la Infiniti Essence sarà un auto che farà parlare abbondantemente di se, proponendo uno stile originale e decisamente grintoso abbinato ad elevate prestazioni ed efficienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>