Tata sul musetto delle Ferrari da Formula 1

di Gabriele Amodeo Commenta

Chi l’avrebbe mai detto che uno dei marchi noti per la produzione di automobili economiche finisse per diventare un degli sponsor primari della più blasonata scuderia di Formula 1?

Chi l’avrebbe mai detto che uno dei marchi noti per la produzione di automobili economiche finisse per diventare un degli sponsor primari della più blasonata scuderia di Formula 1? Invece in questi tempi in cui dal mondo dei motori arrivano notizie che mai ci saremmo aspettati è arrivata anche la notizia che Tata sponsorizzerà nientemeno che la Ferrari per la prossima stagione 2009. Tata Motors ovviamente non è paragonabile per nessun verso al mondo della Ferrari, salvo produrre entrambe modelli a quattro ruote, ma fa parte di Tata Group, un vero colosso dell’industria indiana, impegnato su più fronti economici.


L’approccio tra il team Ferrari e Tata Motors deriva sicuramente dalla collaborazione dell’azienda indiana con Fiat con la quale sono state recentemente avviate delle joint venture. Per Tata apparire sui musetti delle Rosse è certamente una grande operazione di immagine, l’associazione mentale dei due marchi porterà indubbiamente dei benefici commerciali notevoli; per la Ferrari avere trovato uno sponsor nuovo e che porterà nuovi capitali è una iniezione benefica e rinvigorente per affrontare con più serenità l’impegno della prossima stagione di Formula 1. Tata non è una esordiente come sponsor in Formula 1, in passato è stata partner di Jordan e Williams.


La crescita del marchio indiano negli ultimi tempi è notevole, dopo il clamore per avere espresso la volontà di costruire l’automobile più semplice ed economica, la Nano che tra l’altro debutterà nei prossimi mesi, dopo avere acquisito i marchi di prestigio Jaguar e Land Rover adesso ha centrato questo obiettivo di apparire legata al Cavallino Rampante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>