vacanze auto controlli

Vacanze, ecco cosa controllare in auto prima di partire

vacanze auto controlli

Le vacanze ormai sono alle porte e tante persone si apprestano a fare il conto alla rovescia prima di trascorrere qualche giorno al mare o in montagna. Prima di mettersi in viaggio per le vacanze, però, è sempre meglio dare un’occhiata alle condizioni in cui si trova l’auto. Soprattutto nel caso in cui si abbia messo in conto di fare un viaggio particolarmente lungo. Quindi, prima di partire si consiglia di portare sempre l’auto in un’officina del marchio di appartenenza o in un centro indipendente specializzato o da un meccanico.

olio motore

Olio motore: quando bisogna sostituirlo e quale tipologia acquistare

olio motore

Olio motore e la sua sostituzione. Si tratta di uno dei principali compiti di ogni proprietario di un’automobile. Tante persone, però, non hanno la minima idea del momento in cui è necessario effettuare tale operazione. Non si tratta di una data fissa, visto che in realtà varia da vettura a vettura. In linea generale, bisogna mettere in evidenza come olio motore si cambia una volta raggiunti i 20 mila chilometri con un’auto a benzina. Con quelle a gasolio, invece, si può arrivare anche fino a 30 mila chilometri.

Seggiolini auto

Seggiolini auto, cosa cambia con la nuova normativa!

bSeggiolini auto

A partire dal 1 gennaio 2017 è stata modificata la normativa che riguarda la sicurezza dei bambini nelle automobili. Chiaramente nulla è cambiato in merito a quanto stabilito dall’articolo 172 del Codice della Strada. Ciò che ha subito le principali modifiche sono state le norme internazionali ECE R44 ed ECE R129. E, nello specifico, le norme sui seggiolini auto per i bambini.

Rc auto prezzi in aumento

Se l’Isvap (l’Istituto che vigila sulle Assicurazioni) parla di tariffe Rc auto alle stelle, l’Ania (l’Associazione che rappresenta le Assicurazioni) risponde per le rime. Se l’autorità di controllo aveva elencato rincari per quattro profili di assicurato, con un picco del 45% in due anni, l’Ania, sostiene che gli aumenti dovuti alla raccolta effettiva sono stati nel 2010 del 4,8%. Mentre per i primi sei mesi dell’anno in corso, siamo – secondo le Compagnia – a un +5,7%.

Tariffe Rc auto alle stelle

Che i prezzi delle assicurazioni Rc auto salgano non è una sorpresa: chiunque ha il polso della situazione, basta andare in agenzia a farsi rilasciare un preventivo per venirne tramortiti. Ma adesso arrivano dati ufficiali e incontestabili. Sono quelli dell’Isvap (l’Istituto che vigila sulle Assicurazioni), snocciolati nel corso di un’audizione in Senato. Il periodo preso in esame è di due anni, dall’ottobre 2009 all’analogo mese del 2011, con quattro profili d’assicurato. Ebbene, aumenti del 20,2% per un diciottenne neopatentato, del 26,9% per un quarantenne in prima classe (mai causato incidenti in vita sua, e questa è la ricompensa!), del 27,9% e del 45,4% per un diciottenne rispettivamente con un ciclomotore e un motociclo.

Prezzi assicurazioni RC Auto

Una delle più interessanti problematiche con la quale gli automobilisti italiani sono ogni giorno costretti a confrontarsi è , quasi sicuramente, quella del costo medio delle polizze auto che, secondo le dichiarazioni ufficiali rilasciate dalle più importanti associazioni italiane dei consumatori, sarebbero, ormai da diversi anni, in forte, decisivo e costante aumento.

Evadere, come tutti sapranno, non si può, giacché ne va della sicurezza di chiunque si trovi in strada, sia esso un camionista o un semplice passante, e dal 2012, si potrà ancora meno a causa della legge di stabilità finanziaria 2012 che, come saprete, ha trasformato le fotografie degli autovelox in vere e proprie  prove indiziarie.

Abuso di autovelox fermato dalla Cassazione

Il giochino messo in piedi dai Comuni è vecchio: si piazzano autovelox lì dove la legge non lo consente, si incassano multe a tutto spiano, e si coprono i debiti di bilancio delle amministrazioni precedenti e di quella attuale. Ma è arrivato l’ennesimo deciso no della Cassazione, stavolta con sentenza 23882 depositata il 15 novembre 2011.

Prezzi delle catene da neve

L’inverno è ormai alle porte e, per evitare i più o meno gravi incidenti che questa stagione porta con sé, a causa delle avverse condizioni climatico-ambientali che riducono, molti di noi lo sanno perfettamente, la visibilità e la tenuta di strada, ogni guidatore è tenuto a montare, secondo un calendario prestabilito e differente da regione a regione, pneumatici invernali o, nel caso in cui non voglia affrontare una simile spesa, a munirsi di catene da neve da portare sempre con sé.

OBBLIGO GOMME INVERNALI 2011

Un masso cade sull’auto? Il gestore paga i danni

 

Con la sentenza 23563 depositata l’11 novembre scorso, la Cassazione s’è occupata di un caso particolare: la caduta massi, d’origine franosa, su un’auto. Stabilendo che a pagare i danni alla vettura e le eventuali lesioni fisiche a guidatore e passeggeri debba sempre il gestore della strada. Questo principio vale anche se il proprietario del fondo adiacente non bonificato il terreno.