Pininfarina Sergio Concept al Salone di Ginevra

di Alessandro Bombardieri Commenta

Prende il nome di Pininfarina Sergio Concept il prototipo presente al Salone di Ginevra 2013, realizzato dalla carrozzeria torinese sulla base meccanica della Ferrari 458 Spider.


Si tratta di una barchetta a due posti, su base 458 Spider, della quale mantiene il passo e le dimensioni delle carreggiate. Proprio il fatto di essere basata su un’auto di serie rende la Pininfarina Sergio una possibile auto da produrre fuoriserie, e non un semplice esercizio di stile per un salone. A conferma di questo particolare ci sono gli interni, che anche se modificati con uno speciale allestimento, ricalcano quelli della Ferrari da cui deriva.

Esteticamente ci sono alcuni rimandi alla Dino Berlinetta Speciale del 1965, come l’elemento all’anteriore che collega i gruppi ottici ed il colore rosso della carrozzeria, realizzata interamente in fibra di carbonio. Proprio la carrozzeria è stata progettata nella galleria del vento di Grugliasco, rispetto a quella in alluminio della 458 Spider offre un risparmio di peso del 10%, inoltre è stata migliorata anche la rigidità torsionale.

FERRARI 458 SPIDER

Sulla Pininfarina Sergio Concept sono montati speciali cerchi da 21 pollici con attacco monodado e trovano spazio portiere con apertura verso l’alto con un angolo di 45 gradi, ma la grande peculiarità è il cosiddetto parabrezza virtuale, composto da un deviatore di flusso, che fino a velocità inferiori ai 50 km/h devia l’aria al di sopra della testa dei passeggeri.

Le dimensioni della Pininfarina Sergio Concept sono di 4,55 metri di lunghezza, 1,94 metri di larghezza, 1,14 metri di altezza, con un peso complessivo di 1.280 kg. L’accelerazione da 0 a 100 km/h richiede 3,4 secondi mentre la velocità massima raggiungibile è pari a 320 km/h.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>