I falsi miti sugli pneumatici invernali

di Redazione Commenta

Alcuni luoghi comuni che circolano sulle gomme invernali non sono veri...

Da qualche anno sono obbligatorie le gomme invernali (o le catene a bordo) e come sempre accade circolano dei luoghi comuni da sfatare. Innanzitutto non è vero che gli pneumatici invernali sono più rumorosi e peggiorano i consumi.

Addirittura in caso di freddo (com’è ovvio che sia d’inverno) la capacità della mescola di raggiungere la temperatura di esercizio, insieme alla flessibilità delle lamelle, fa avere al battistrada una morbidezza maggiore, aumentando di fatto il comfort di marcia.


La rumorosità di rotolamento al contrario aumenta leggermente, proprio per via dei molti intagli presenti nel battistrada. Per ciò che riguarda i consumi, gli pneumatici invernali non aumentano la resistenza all’avanzamento. È comunque preferibile optare per gomme invernali più piccole rispetto a quelle estive, in questo caso si avrà una migliore tenuta di strada e si potranno anche avere consumi inferiori.

CATENE A BORDO 2012

Un altro falso mito è che le auto con la trazione integrale possano andare ovunque, quasi “fregandosene” della neve. Questo non è assolutamente vero, infatti l’unica certezza con il freddo ed in particolare con le strade innevate sono proprio le gomme invernali. Anzi, con un’auto a due ruote motrici si sente molto meglio il livello di grip dell’auto e quindi si è più propensi a controllare l’auto in maniera attenta, mentre su una 4×4 si potrebbe correre il rischio di voler strafare pensando di essere al sicuro con quattro ruote motrici, scoprendo solo al momento della frenata di non aver grip sul terreno. Va sottolineato anche che per legge nessuno è esente dal montare gomme invernali o catene, indipendentemente dalla trazione del veicolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>