Dominio Audi alla 24 Ore di Le Mans

di Redazione Commenta

Andre Lotterer, Marcel Fassler e Benoit Treluyer hanno vinto per la seconda volta consecutiva la 24 Ore di Le Mans.

Audi ha dominato l’edizione 2012 della 24 Ore di Le Mans, caratterizzata da un podio interamente composto da auto dei quattro anelli. A vincere è stato l’equipaggio composto da Andre Lotterer, Marcel Fassler e Benoit Treluyer al volante della R18 e-tron quattro. Si tratta dell’undicesimo successo per Audi alla 24 Ore più importante al mondo, oltre che del primo trionfo di un’auto ibrida e del secondo successo di fila per i tre piloti.

L’equipaggio Capello/Kristensen/McNish con l’altra R18 e-tron quattro ha chiuso al secondo posto, con un giro di ritardo. Il terzo gradino del podio è occupato da Jarvis/Bonanomi/Rockenfeller sulla Audi R18 Ultra, che ha terminato a 3 giri.


La vittoria non è quasi mai stata in discussione, con Lotterer/Fassler/Treluyer che hanno controllato sempre con grande tranquillità. Inoltre a due ore dal termine Allan McNish con la seconda R18 e-tron quattro è andato a sbattere costringendo i meccanici ad un lavoro extra per rimandare la macchina in pista.

Il poker Audi è mancato perchè la seconda R18 Ultra è giunta quinta, dietro alla Lola-Toyota di Prost/Jani/Heidfeld che ha quindi tagliato il traguardo come prima tra le auto a benzina. L’equipaggio Gené/Dumas/Duval ha commesso invece troppi errori, chiudendo appunto al quinto posto complessivo.

Le due Toyota TS030 Hybrid si sono dimostrate competitive per il tempo che sono rimaste in pista. La vettura di Anthony Davidson è stata protagonista di un incredibile incidente con la Ferrari di Piergiuseppe Perazzini, che è costato anche la frattura di due vertebre al pilota inglese. La seconda Toyota è uscita di scena per un contatto di Kazuki Nakajima con la Nissan DeltaWing dopo sei ore circa. Questa toccata è costata anche la gara alla stessa DeltaWing.

NISSAN DELTAWING

Nella classe LMP2 ha vinto la HPD della Starworks Motorsports con l’equipaggio Potolicchio/Dalziel/Kimber-Smith, che ha chiuso davanti alle Oreca-Nissan della Thiriet by TDS (Thiriet/Beche/Tinseau) e della Pecom Racing. In GTE-Pro ha vinto la Ferrari 458 Italia del team AF Corse con Bruni/Fisichella/Vilander davanti all’altra 458 della Luxury Racing. In GTE-Am ha trionfato la Corvette della Larbre Competition guidata da Lamy/Canal/Bornhauser.

Classifica finale 24 Ore di Le Mans
1. Lotterer/Fassler/Treluyer – Audi R18 e-tron quattro – 377 giri
2. McNish/Capello/Kristensen – Audi R18 e-tron quattro – +1 giro
3. Jarvis/Bonanomi/Rockenfeller – Audi R18 Ultra – +3 giri
4. Prost/Jani/Heidfeld – Lola-Toyota – +11 giri
5. Gené/Dumas/Duval – Audi R18 Ultra – +12 giri
6. Brabham/Chandhok/Dumbreck – HPD-Honda – +21 giri
7. Potolicchio/Dalziel/Kimber-Smith – HPD-Honda (LMP2) – +24 giri
8. Thiriet/Beche/Tinseau – Oreca-Nissan (LMP2) – +25 giri
9. Perez-Companc/Kaffer/Ayari – Oreca-Nissan (LMP2) – +26 giri
10. Ragues/Panciatici/Rusinov – Oreca-Nissan (LMP2) – +27 giri
11. Belicchi/Primat/Bleekemolen – Lola-Toyota (LMP2) – +28 giri
12. Zugel/Julian/Gonzalez – Zytek-Nissan (LMP2) – +30 giri
13. Martin/Charouz/Graves – Oreca-Nissan (LMP2) – +32 giri
14. Heinemeier Hansson/Leinders/Martin – Morgan-Nissan (LMP2) + 37 giri
15. Brundle/Brundle/Ordonez – Zytek-Nissan (LMP2) – +38 giri
16. Tresson/Mailleux/Lombard – Oreca/Nissan (LMP2) – +38 giri
17. Fisichella/Bruni/Vilander – Ferrari 458 (GTE-Pro) – +42 giri
18. Makowiecki/Melo/Farnbacher – Ferrari 458 (GTE-Pro) – +45 giri
19. Mucke/Turner/Fernandez – Aston Martin Vantage V8 (GTE-Pro) – +46 giri
20. Bornhauser/Canal/Lamy – Chevrolet Corvette (GTE-Am) – +49 giri
21. Pons/Narac/Armindo – Porsche 911 RSR (GTE-Am) – +50 giri
22. Bertolini/Beretta/Cioci – Ferrari 458 (GTE-Pro) – +52 giri
23. Garcia/Magnussen/Taylor – Chevrolet Corvette (GTE-Pro) – +52 giri
24. Briere/Petersen/Nakano – Oreca-Nissan (LMP2) – +53 giri
25. Krohn/Jonsson/Rugolo – Ferrari 458 (GTE-Am) – +55 giri
26. Frey/Meichtry/Hirschi – Oreca-Judd (LMP2) – +58 giri
27. Neiman/Pilet/Pumpelly – Porsche 911 RSR (GTE-Am) – +65 giri
28. Bourret/Gibon/Belloc – Chevrolet Corvette (GTE-Am) – +69 giri
29. Rosier/Thirion/Haezebrouck – Norma-Judd (LMP2) – +70 giri
30. Leventis/Watts/Kane – HPD-Honda (LMP1) – +75 giri
31. Kauffman/Aguas/Vickers – Ferrari 458 (GTE-Am) – +84 giri
32. Rodrigues/Ferte/Illiano – Ferrari 458 (GTE-Am) – +86 giri
33. Camathias/Palttala/Daniels – Porsche 911 RSR (GTE-Am) – +88 giri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>