Toyota Rav 4 2009 in fiera a Bologna

di Gabriele Amodeo Commenta

Fin dalle prime versioni ha saputo conquistare la simpatia del pubblico italiano, con l’adozione della motorizzazione..

Continua il resoconto delle fiume denso di novità che si sta rivelando la 33° edizione del Motor Show di Bologna. Lo stand Toyota è stato letteralmente preso d’assalto per la curiosità che ha saputo suscitare la nuova citycar IQ, esposta per la prima volta in Italia. Tra le tante proposte della casa giapponese degna di nota è la versione 2009 del crossover più amato dagli italiani, la Rav 4.

Fin dalle prime versioni ha saputo conquistare la simpatia del pubblico italiano, con l’adozione della motorizzazione diesel e con il nuovo design è davvero stato un trionfo. Per il 2009 Toyota propone un restyling leggero che lascia invariata forma e sostanza della Rav 4, ritoccando solo piccoli particolari estetici.


Una differente finitura delle griglia frontale, , nuovi gruppi ottici, indicatori di direzioni sugli specchietti, nuovi gruppo ottici posteriori e un nuovo disegno dei paraurti.
Più consistenti le novità sotto il cofano, nuove motorizzazioni, ottimizzazione in termini di prestazioni e consumi di quelle esistenti. Sono stati introdotti un nuovo 2.0 litri benzina da 158 cavalli abbinato ad un cambio manuale a 6 rapporti o alla trasmissione automatica Multidrive S.


Rispetto al predecessore, il nuovo 4 cilindri oltre ad essere più potente si dimostra più efficiente. Rivisitato l’interessante 2.2. litri D-4D a gasolio, potenziato di 15 cavalli, raggiunge quindi quota 150, e con un 10% in più di coppia. Nuovo abbinamento tra questo propulsore e il nuovo cambio automatico a 6 rapporti Sport Direct Shift.

Le vendite della Rav4 MY 2009 inizieranno nei primi mesi del 2009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>