Riapre il 20 marzo 2011 il museo dell’automobile di Torino

di Andrea Commenta

A Torino c'è il più importante museo dell'automobile europeo, intitolato a Carlo Biscaretti di Ruffia

A Torino c’è il più importante museo dell’automobile europeo, intitolato a Carlo Biscaretti di Ruffia (storico disegnatore tecnico e progettista) che è sorto nel 1932 grazie ad un’ idea di Cesare Goria Gatti e Roberto Biscaretti di Ruffia, ed è uno dei musei dedicati alle quattro ruote più antichi del mondo.
Nel 1933 il comune di Torino deliberò di fondare il museo, nominando un comitato promotore; e venne cercata una sede adatta per la realizzazione della mostra permanente.

Si decise per la ex Fabbrica Aquila Italiana, ma presto cambiò destinazione e ciò avvenne per quattro volte finchè nel 1957 venne trasferito definitivamente in Corso Unità d’Italia ed il 3 novembre 1960 venne ufficialmente inaugurato.
Il palazzo in cui è situato il museo è stato creato apposta dall’architetto Amedeo Albertini, famoso per aver realizzato anche il palazzo Sai e il palazzo della Lavazza a Torino.
Tra i pezzi più pregiati della collezione vi sono la vettura a vapore Bordino del 1854 situata al di fuori, nel cortiletto antistante il museo, ilprimo modello Benz del 1893 con il cambio di velocità a cinghie, il primo modello Peugeot del 1894, la Ferrari 126 C2 con cui Gilles Villeneuve corse nel 1982.
All’interno vi è anche una biblioteca contenente più di settemila testi, per lo più irreperibili e fuori commercio.
E’ anche presente un’emeroteca contenente riviste automobilistiche da tutto il mondo.
Il museo è stato chiuso per restauri nel corso del 2010 e tra poco, il 20 marzo 2011 verrà finalmente riaperto al pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>