Vettel fa impazzire i fan al Ferrari Racing Days

di Alba D'Alberto Commenta

I Ferrari Racing Days di Hockenheim si sono conclusi in grande stile perché nella giornata conclusiva, Vettel ha dato spettacolo davanti a 7000 spettatori che sono sì appassionati di motori, ma stravedono per il Cavallino Rampante. Lo show del team più vincente della Formula 1 è stato accompagnato dalle altre attività di Corse Clienti.

Il racconto degli addetti ai lavori riferisce che nella giornata di domenica a fare la parte del leone è stata la Scuderia Ferrari insieme a Sebastian Vettel, pilota titolare del team che il prossimo weekend sarà impegnato nel Gran Premio di Singapore. Sebastian è scattato dalla griglia di partenza in una spettacolare simulazione del via di un Gran Premio, poi si è esibito in alcuni pit stop velocissimi insieme ai meccanici del team di Maranello prima di concedersi alcune accelerazioni brucianti e gli ormai consueti burn-out a ruote fumanti. Il pubblico sugli spalti, al termine di una mezzora carica di adrenalina, è corso nel paddock per scattare una foto o farsi firmare un autografo da uno dei piloti più amati in assoluto.

ferrari-frd-hockenheim-cover
Gli spettatori si sono emozionati nel vedere sfilare sul rettilineo, ad oltre 300 km/h, monoposto vincenti come la F2002 o la F2003-GA ma anche la 248 F1, con la quale Schumacher andò vicinissimo all’ottavo titolo mondiale poi finito nelle mani di Fernando Alonso.

Anche gli amanti delle corse non sono rimasti delusi: le due gare del Ferrari Challenge Europe hanno garantito emozioni e spettacolo, al pari delle vetture di Passione Ferrari, che hanno richiamato sulla pista del Baden-Württemberg centinaia di clienti, alcuni dei quali hanno avuto la possibilità di testare in circuito tutta la potenza e la tecnologia della loro vettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>