Vettel, ricorso respinto: niente da fare, rimane secondo!

di Gtuzzi Commenta

La penalità per Sebastian Vettel non è stata modificata, nonostante il ricorso che è stato proposto da parte del team Ferrari. Il tanto atteso appuntamenti tra i commissari e il Cavallino Rampante ha dato esito negativo. La fumata nera circa il ricorso era facilmente intuire, anche se in Ferrari c’erano diversi addetti ai lavori che speravano di poter raggiungere l’obiettivo.

Sanzione confermata per Vettel

Nulla da fare per Vettel, che si deve accontentare del secondo posto ottenuto nel Gp del Canada, vinto da Hamilton. La sanzione, ovvero quei secondi di penalità che hanno permesso al pilota inglese di fare suo l’ennesimo gran premio nel corso della stagione. Non è servita a nulla la scelta della Rossa di fare reclamo, dal momento che i commissari hanno deciso di mantenere la linea presa durante il Gp del Canada.

Le prove “schiaccianti” portate dalla Ferrari non sono servite

La risposta che è arrivata dalla FIA, in sostanza, è che non ci sono degli aspetti significativi da valutare in più rispetto a quelli che erano già in possesso dei commissari di gara al momento della decisione. La Ferrari le ha provate tutte, inserendo nel dossier tutta una serie di prove che, di fatto, vanno a eliminare la volontarietà della manovra di Vettel. Le prove schiaccianti di cui aveva parlato Laurent Mekies, in definitiva, probabilmente non erano sufficientemente forti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>