La notte Ferrari nel GP di Singapore

di Redazione Commenta

Marina Bay è tutta tinta del rosso Ferrari. Il GP di Singapore non ha segnato soltanto la vittoria di Vettel ma è stata l’affermare di potenza di una squadra che sta lavorando per ridurre il gap dalla Mercedes e che finalmente ottiene un premio per gli sforzi fatti fino a questo momento. 

Nel GP di Singapore Vettel ha conquistato la pole e poi è riuscito ad imporsi senza fatica nella notte che è stata segnata dalla defaillance della Mercedes con il ritiro di Hamilton e la scivolata dal podio di Rosberg. Adesso Vettel e Rosberg sono molto vicini in classifica generale e basterà un passo falso di Nico per vedere gioire un altro tedesco.

Scrive Ferrari.com

Leader dalla partenza alla bandiera a scacchi. Sebastian Vettel è stato lo splendido interprete della gara disputata oggi sul circuito cittadino di Marina Bay, illuminato a giorno nella cornice del porto di Singapore. Il pilota tedesco, scattato dalla pole position, ha condotto i 61 giri in programma gestendo al meglio una corsa che ha visto per due volte l’ingresso in pista della safety-car. Vettel ha gestito un piccolo ma cruciale margine sulla Red Bull di Ricciardo fino alle tornate conclusive, tagliando il traguardo con 1”4 di vantaggio sul pilota australiano. Il podio di Singapore ha premiato anche la gara di Kimi Raikkonen, che ha occupato per tutta la corsa la terza posizione completando un importante risultato di squadra per la Scuderia Ferrari.

Una gara incredibile in cui è stata tutta la squadra a vincere. Con Kimi al terzo posto il Cavallino è salito per una sera sul tetto del mondo. Era quello che tutti i tifosi della Ferrari volevano vedere, era quello che tutti ormai aspettavano con ansia. Adesso si andrà con maggior decisione e grinta verso l’ultima parte del campionato. In ballo il secondo posto nella classifica iridata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>