Lazzarini Minima nuovo progetto di citycar elettrica

di Gtuzzi Commenta


La nuova Lazzarini Minima si caratterizza per essere una citycar elettrica che è stata progettata da Pierpaolo Lazzarini: per il momento, però, si può considerare solo come uno studio di design che sta aspettando l’arrivo di qualche investitore per poter concretizzare il tutto.
Questa nuova citycar elettrica presenta diverse differenze in confronto alla Renault Twizy ed alla Honda Micro Commuter.
In particolar modo, questa vettura ad alimentazione elettrica progettata dallo studio di design Lazzarini si caratterizza per avere uno stile estetico decisamente più affascinante, ma anche delle dimensioni più elevate in confronto alle altre citycar elettriche presenti sul mercato.

NUOVA TESLA MDDEL S NEL 2013 IN EUROPA
Inoltre, presenta anche qualche elemento ripreso dalla Fiat 500, come ad esempio il frontale che si caratterizza per avere un profilo orizzontale posto proprio sopra la presa d’aria, senza dimenticare il classico logo Fiat che è stato collocato sui cerchi e sul volante.
L’abitacolo presenta delle dimensioni spaziose e la struttura è a tre posti: quello del guidatore è posto in posizione centrale, mentre quelli riservati ai passeggeri sono i sedili posteriori.
La nuova Lazzarini Minima può contare sulla spinta derivante dalla presenza di un motore interamente elettrico, che permette di arrivare fino ad una velocità massima pari a 130 km/h.

AUTO AD ARIA COMPRESSA PRONTA PER IL 2013

Per quanto riguarda l’autonomia, invece, bisogna differenziare tra un uso full-throttle ed un utilizzo, invece, più realistico: nel primo caso, l’autonomia dovrebbe aggirarsi intorno ai 320 chilometri, mentre nel secondo caso arriverebbe fino a 480 chilometri.
Infine, l’utilizzo di materiali come alluminio e plastica permettono di garantire a questa nuova citycar elettrica una massa complessiva sotto i 600 chilogrammi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>