Volpe la nuova citycar elettrica italiana

di Gtuzzi Commenta


E’ trascorso ormai un anno dal momento in cui è stato aperto il nuovo Pala K ed è la ricorrenza ideale anche per festeggiare una nuova auto elettrica che è stata svelata in anteprima: si tratta della Volpe, un’auto che è stata sviluppata con l’obiettivo primario di rispettare l’ambiente e di ridurre i costi legati al mantenimento ed alla gestione del veicolo.
Volpe è, senza ombra di dubbio, l’auto più attesa nella due giorni di festeggiamenti che si sta tenendo al kartodromo di Cinisello Balsamo.

LAZZARINI MINIMA NUOVO PROGETTO DI CITYCAR ELETTRICA
La nuova vettura elettrica rappresenta un’ottima soluzione anche per il traffico cittadino, dal momento che le sue ridotte dimensioni le permettono di sopperire alla mancanza di parcheggi, potendo incunearsi anche negli spazi più angusti. Inoltre, è interessante notare anche come questa nuova elettrica si caratterizzi per avere un look giovane e molto aggressivo, che non disdegna tecnologia e sicurezza. Volpe è un acronimo, che sta per Veicoli Originali Leggeri Privi di Emissioni e fa riferimento ad un’azienda del tutto italiana che è nata sette anni fa.

NUOVA TESLA MODEL S NEL 2013 IN EUROPA

Questa nuova vettura elettrica è stata sviluppata sfruttando una monoscocca di acciaio stampato e le sue dimensioni ridottissime sono pari a soli 2,2 mq di superficie stradale.
La nuova Volpe è stata disegnata da Zagato e si presenta con uno stile compatto e piuttosto leggero; inoltre, può contare sulla spinta di vari propulsori elettrici che sono in grado di recuperare l’energia cinetica durante la fase di frenata, con delle emissioni di anidride carbonica che sono pari a zero.
La più importante caratteristica, probabilmente, è legata all’autonomia della nuova Volpe, pari a 340 chilometri e dal range extender, che permette una ricarica automatica con alimentazione a gas naturale o benzina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>