Si chiama Cyber Tyre il sensore che legge la strada

di Alba D'Alberto Commenta

Pirelli vuole anticipare i tempi, come ha sempre fatto, come è già successo con il Cinturato radiale negli anni Cinquanta e con gli ultraribassati negli anni Settanta. Lancia così la Cyber Tyre, una gomma intelligente.

Con la gomma intelligente la macchina raccoglie una serie di informazioni su quello che la circonda, in particolare sulla strada. Questa Cyber Tyre riesce infatti a ad avere informazioni sullo stato interno dello pneumatico ma anche sulle condizioni della strada, sulle prestazioni dei veicolo, sul guidatore e anche sulla centralina dell’auto.

Tutte queste informazioni sono usate per rendere più sicura e anche più efficiente la guida della vettura. Le modifiche tecnologiche alle gomme Pirelli sono state apportate tramite gli studiosi della Ricerca e Sviluppo Pirelli e il Dipartimento di Meccanica del Politecnico di Milano. Di base c’è una nuova idea di sicurezza preventiva che si unisce alla sicurezza attiva e passiva e alle prestazioni tradizionali del veicolo.

Adesso il Pirelli Cyber Tyre è allo studio delle case automobilistiche per capire quanto sia oneroso garantire un primo equipaggiamento dell’auto con queste gomme. Nella versione CyberFleet dedicata al trasporto commerciale le Cyber Tyre sono già usate, rilevano la pressione delle gomme e aiutano ad ottimizzare i costi di gestione di un gran numero di veicoli. Il consumo di carburante dipende in parte anche dall’usura degli pneumatici.

Le rilevazioni che questa gomma riesce a fare sono sia sulle macchine in movimento sia sulle macchine ferme tanto che si parla di disponibilità dei sensori nella modalità statica e dinamica. Non è un caso che Pirelli sia fornitore ufficiale della F1 con le sue gomme. In fondo è un campionario di ricerca ed efficienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>