Il presidente Maroni vuole salvare il circuito di Monza

di Alba D'Alberto Commenta

Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, durante l’EXPO ha lanciato il suo appello per la sopravvivenza del circuito di Monza che sembra scompaia a breve dal calendario del Mondiale. Maroni fa appello anche alla Ferrari per avere solidarietà. 

Il Gran Premio di Monza si deve salvare, lo ha detto anche il presidente della Lombardia Roberto Maroni presente all’EXPO, parlando della campagna “Scendi in pista con la Lombardia, firma anche tu per il GP d’Italia all’Autodromo nazionale di Monza.

Fio a questo momento, come spiegano diversi quotidiani interessati all’argomento, sono state raccolte già 1200 firme. La raccolta firme si è scatenata dopo che Bernie Ecclestone, patron della Formula 1 ha deciso di trasferire il GP d’Italia da Monza ad Imola a partire dal 2016, anno in cui scade il contratto tra la città lombarda e il campionato mondiale di automobilismo.

Ma cosa ha spinto Ecclestone a proporre il trasferimento? Sicuramente la questione economica. Imola ha contattato il patron della F1, cosa che non avrebbe fatto invece il circuito di Monza dove i fondi per il GP d’Italia sono venuti a mancare.

È sceso in campo anche Maroni spiegano che non è possibile che nel calendario della F1 sia eliminato questo importante appuntamento e ha chiesto una mano anche alla Ferrari. Per questo nella giornata di oggi Maroni incontrerà Marchionne all’inaugurazione del Museo dell’Alfa Romeo.

A favore del GP di Monza ci sono anche le dichiarazioni di Vettel che è innamorato di questo circuito e della gara svolta nella cornice tricolore:

Vincere a Monza sarebbe speciale, è la pista di casa e sarebbe una grande emozione. Sarebbe un sogno che si realizza.

Il GP di Monza è in programma per il 6 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>