La Dodge Dart GT sarà svelata al Salone di Detroit

di Alessandro Bombardieri Commenta

Sotto al cofano della Dodge Dart GT c'è il motore 2.4 litri Tigershark MultiAir2 di Chrysler.

Al Salone di Detroit 2013, che aprirà i battenti il prossimo 14 gennaio, sarà presentata anche la Dodge Dart GT, vale a dire la versione sportiveggiante della berlina americana realizzata sulla base meccanica dell’Alfa Romeo Giulietta. Il propulsore di questo modello sarà un 2.4 litri quattro cilindri da 186 CV, il prezzo di vendita oltre oceano sarà pari a 20.995 dollari, pari a circa 16.000 euro con il cambio odierno.


Gli elementi estetici che caratterizzano la Dart GT dalla versione classica sono i cerchi in lega da 18 pollici, il frontale rifinito con dettagli neri e la calandra Hyper Black, i gruppi ottici con gli interni scuri, le maniglie nella tinta della carrozzeria, il doppio terminale di scarico lucidato e le sospensioni sportive. Nell’abitacolo sono stati aggiunti i sedili rivestiti in pelle Nappa traforata nera con cuciture rosse o bicolore nero/rosso, che sono riscaldabili, come il volante. Di serie sono presenti equipaggiamenti quali il climatizzatore bi-zona, il sistema di accensione a distanza (con cambio automatico), il telecomando garage universale e il logo GT.

ALFA ROMEO GIULIETTA

Sotto al cofano della Dodge Dart GT c’è il motore 2.4 litri Tigershark MultiAir2 di Chrysler, lo stesso quattro cilindri che viene montato anche sulla Lancia Flavia. In questa configurazione il propulsore arriva ad erogare 186 CV e 236 Nm di coppia, può essere abbinato ad un classico cambio manuale 6 marce o ad un automatico PowerTech sempre 6 rapporti. Dodge inizierà a produrre la Dart GT nel secondo trimestre dell’anno, in futuro è attesa anche una versione più estrema che dovrebbe prendere il nome di R/T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>