Salone di Pechino, edizione 2020: si riprende dalle vetture elettriche

di Gtuzzi Commenta

Finalmente, dopo uno stop che durava addirittura dallo scorso mese di febbraio per colpa della pandemia, è stata organizzata la prima manifestazione importante che si riferisce al mondo delle quattro ruote. Stiamo facendo riferimento all’edizione 2020 del Salone di Pechino.

Salone di Pechino 2020, ecco alcune novità!

Un evento che ha portato anche alla presenza di costruttori molto noti, come ad esempio Bmw, Volkswagen, così come Toyota e Hyundai Nissan. Il mercato dell’automotive, quindi, prova in qualche modo a riprendere quota, ma è chiaro come si tratta ancora di una fase particolarmente delicata, dal momento che la pandemia è tutto fuorché terminata.

Sabato 26 settembre prende il via il Beijing Auto Show, ovvero il Salone di Pechino, che durerà fino al prossimo 5 ottobre, e che sarà caratterizzato, esattamente come ogni altra manifestazione pubblica, da una serie di regole particolarmente severe, proprio con l’intento di limitare e contenere il più possibile qualsiasi rischio di contagio.

Nel corso del mese di luglio, la crescita del mercato, dopo mesi davvero difficili e drammatici, c’è stata, con un aumento pari al 16,4% in modo particolare in riferimento ai New Energy Vehicles. Non è casuale che all’interno degli stand dei vari marchi che saranno presenti al Salone, ci sarà l’esposizione di vetture, così come di concept di modelli con motorizzazione di certo non tradizionale.

Gli esempi arrivano da Volkswagen, con la nuova gamma ID, mentre Audi ha deciso di togliere i veli alla variante L, che potrà contare su un telaio maggiorato, relativa alla nuova A3 e Q5. Bmw, invece, cercherà di rispondere alla concorrenza proponendo la Serie 5, anche questa volta con una versione limousine.

Il Salone di Pechino sarà una grande occasione per tornare alla ribalta anche per i marchi nipponici, come ad esempio Toyota e Nissan, che non vedono l’ora di togliere i veli ai propri modelli. Nissan punterà sul nuovo suv elettrico Ariya, che ha sicuramente impressionato all’esordio. In ogni caso, Nissan si è dimostrata già particolarmente attiva con il lancio della Sylphy, ovvero la nuovissima berlina compatta che è stata sia prodotta che venduta direttamente sul mercato asiatico, ma l’intenzione è quella di lanciare sempre su tale mercato, anche altre sei vetture elettriche entro il 2024.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>