Le auto più affidabili secondo la classifica del TÜV

di Redazione Commenta

Come ogni anno il TÜV ha stilato la classifica delle auto più affidabili.

Come ogni anno il TÜV, l’ente di controllo e certificazione tedesco che si occupa delle revisioni in Germania, ha stilato la classifica delle auto più affidabili.

Le revisioni in Germania vengono eseguite in maniera approfondita dunque vengono rilevati tutti i difetti delle auto.

I criteri base di questa analisi sono quelli definiti da un’apposita sezione del Codice della strada tedesco, che li classifica come leggeri o pesanti, e vengono presi in considerazione i difetti all’impianto frenante, di illuminazione e di scarico, ai braccetti delle sospensioni, l’eccessivo gioco dello sterzo e la presenza di ruggine nelle parti strutturali.

Da luglio 2009 a giugno 2010 sono state revisionate 7.253.709 auto. Le cinque categorie principali sono suddivise per età: 2-3, 4-5, 6-7, 8-9 e 10-11 anni.
Secondo i calcoli del TÜV durante i primi tre anni di vita l’8,3% delle auto ha problemi alle luci, le auto con 11 anni che hanno questi problemi sono il 30,3%.

Le auto con i braccetti rovinati vanno dall’1,1% al 13,3% si passa dallo 0,1% al 7,4%. Dalla tabella relativa ai danni si nota che le auto nuove e in garanzia non presentano praticamente difetti rilevanti. Delle auto più vecchie solo il 39,5% non hanno problemi.

Stando allo studio 2011, tra le auto fino a tre anni d’età, per la prima volta la medaglia d’oro la prende un’ibrida, la Toyota Prius, che è l’auto più affidabile: su 100 modelli esaminati solo 2,2 hanno mostrato difetti rilevanti. Il secondo posto è della Mazda 2, insieme alla Porsche 911 e alla Toyota Auris.

Leggendo la tabella notiamo la grande presenza della Porsche, che domina tutte le altre colonne, dimostrandosi una marca molto affidabile, ed anche della Toyota, che ha piazzato cinque modelli nelle classifiche.

Le italiane sono molto molto indietro. Solo per fare alcuni esempi: la Fiat Panda nei primi anni è 99esima con 7 auto su 100 con problemi rilevanti, e l’Alfa Romeo 147 con gli stessi risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>