Pershing 64: in yacht da Milano al festival di Cannes

di Gabriele Commenta

Il Pershing 64 è uno splendido yacht presentato quest’anno in anteprima mondiale in una maniera decisamente insolita e originale...

Il Pershing 64 è uno splendido yacht presentato quest’anno in anteprima mondiale in una maniera decisamente insolita e originale.

Infatti è stato ormeggiato ai Navigli di Milano in occasione dello scorso Salone del Mobile di Milano, suscitando grande stupore e curiosità.

Non capita tutti i giorni di trovarsi uno yacht da 20 metri nel centro di Milano. Il Pershing 64 verrà presentato al mondo della nautica in maniera ufficale al prossimo Festival de La Plaisance di Cannes, il prossimo ottobre.


Il designer Fulvio De Simoni, che ha progettato il Pershing 64 ha lavorato seguendo il motto “To Surprise the Future” e possiamo dire che l’intenzione del progettista si è concretizzata in uno yacht che fonde sapientemente design moderno ed armonioso con il massimo della tecnologia.

Le soluzioni innovative a bordo del Pershing 64 sono tante a partire dalla soluzione di abolire i timoni e lasciare che siano le eliche ad imprimere la direzione di navigazione, o come la vetrata a scomparsa che crea un open space tra dinette e pozzetto.

Il Pershing 64 conferma la cura per i dettagli e la qualità dei materiali utilizzati, specie per le definizioni. Molti particolari degli interni sono realizzati da Poltrona Frau e questo la dice lunga sulla qualità e il livello delle realizzazioni.

Dal punto di vista di organizzazione degli spazi, sono stati sfruttati con grande ergonomia, ricavando due cabine matrimoniali, armatoriale e vip, e una cabina doppia, i servizi, una grande cucina e la geniale soluzione per rendere la dinette uno spazio aperto.

I 46 nodi di velocità massima dichiarata dal costruttore marchigiano, sono ottenuti da una coppia di motori Man da 1550 cavalli abbinati ad elice di superficie.

Gabriele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>