Mercedes Classe M Guard nuovo Suv blindato

di Gtuzzi Commenta


La nuova Mercedes Classe M Guard rappresenta la variante blindata della prossima generazione della Mercedes-Benz ML, che andrà a rendere più ricca la gamma Guard, al cui interno si possono trovare anche gli esemplari della Classe E, Classe G e Classe S.
Stiamo parlando di un esemplare che, nonostante possa sfruttare una carrozzeria degna di un vero e proprio furgone blindato, mantiene, all’interno dell’abitacolo, uno stile estremamente lussuoso e realizzato con la minima cura in diversi dettagli.

MERCEDES CLASSE S SPIATA SENZA CAMUFFATURE
Lo scopo del marchio tedesco, infatti, è quello di ricreare un equilibrio perfetto tra le peculiarità di un Suv e le caratteristiche principali di un mezzo blindato, senza dimenticare come sia in grado di offrire un alto livello di praticità di guida e un altrettanto elevato livello di blindatura.
Spostando la nostra attenzione sulle caratteristiche tecniche di questo nuovo Suv blindato, possiamo sottolineare il gran numero di rinforzi realizzati in acciaio, che sono stati collocati nei pannelli della carrozzeria e nella scocca. Interessante notare la presenza di cerchi in lega da 20 pollici, che sfruttano degli pneumatici che hanno la capacità di continuare a macinare anche 30 chilometri quando sono completamente sgonfi.

NUOVA MERCEDES CLASSE S FOTO UFFICIALI DEGLI INTERNI

A dare la spinta a questo nuovo suv blindato troviamo diverse motorizzazioni: per quanto riguarda la declinazione ML500 Guard benzina, ci sarà un motore V8 biturbo da 4,7 litri, in grado di sprigionare una potenza complessiva che si aggira intorno ai 408 cavalli, mentre la versione ML 350 BlueTECH Guard sfrutta il propulsore diesel da 3 litri V6, in grado di sprigionare complessivamente una potenza intorno ai 258 cavalli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>