Smart elettrica grazie alla tecnologia di Tesla

di Gabriele Amodeo Commenta

La Smart EV sarà frutto della collaborazione tra il gruppo Daimler Mercedes Benz, proprietario del marchi Smart, e la Tesla..

La talentuosa Smart Fortwo avrà la sua versione elettrica, un passepartout per i centri storici delle città praticamente perfetto; le sue dimensioni da microcar e la trazione elettrica a emissioni zero la renderanno praticamente inarrestabile in città.

La Smart EV sarà frutto della collaborazione tra il gruppo Daimler Mercedes Benz, proprietario del marchi Smart, e la Tesla, la casa costruttrice di veicoli elettrici che ha in cantiere progetto di auto sportiva su base Lotus della quale abbiamo parlato nei mesi scorsi. Tesla secondo gli accordi di questa collaborazione fornirà al gruppo tedesco i pacchi batterie agli ioni di litio occorrenti per allestire 1000 Smart elettriche.


Questa prima tranche di automobili probabilmente verrà indirizzata al mercato nord americano, visto che è stato già fissato un prezzo di vendita orientativo in dollari, prezzo che certamente farà drizzare le orecchie a tanti, si parla di ben 49.000 verdoni per entrare in possesso della Smart elettrica. Sicuramente alta come quotazione, ma si tratta di una automobile dalle grandi potenzialità e che probabilmente nella fase iniziale è più idonea come mezzo di promozione della tecnologia elettrica, acquistata magari da enti pubblici e governativi.


È chiaro che questa tecnologia è ancora in fase di sviluppo e i costi rimangono altamente proibitivi per una economia come quella attuale.
Questa operazione senza dubbio darà una generosa boccata d’ossigeno al costruttore Tesla, che più volte quest’anno ha palesato momenti di affanno per la situazione economica e cambiato diversi CEO manifestando una instabilità strutturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>