Skoda Citigo, Yeti e Rapid Spaceback in versione Monte Carlo

di Alessandro Bombardieri Commenta

In occasione del Salone di Ginevra 2014, Skoda presenterà i modelli Citigo, Yeti e Rapid Spaceback in versione Monte Carlo, vale a dire lo speciale allestimento già disponibile su Fabia e Fabia Combi.

A contraddistinguere l’allestimento ci sono i vetri posteriori oscurati e i cerchi di alluminio da 15” o 17” verniciati in nero, inoltre Yeti e Rapid Spaceback hanno il tetto nero. Nell’abitacolo troviamo il volante con cuciture in rosso, rivestimenti in nero e sedili con conformazione sportiva e rivestimento in tessuto inedito. La Citigo Monte Carlo che vedremo in Svizzera sarà la variante a metano, mentre per gli altri due modelli non è ancora stato reso noto quali varianti saranno presenti.

Sempre al Salone di Ginevra 2014, farà il suo esordio ufficiale anche la Skoda Octavia G-TEC, ossia la versione con il motore a benzina e metano della berlina ceca. Si tratta del secondo modello con alimentazione bi-fuel di Skoda, dopo la CitiGo. Ovviamente in questo caso la parentela è molto stretta con l’Audi A3 Sportback g-tron: il motore è il 1.4 TSI Euro 6, turbocompresso e alimentato a iniezione diretta, modificato per il metano nella testata, nella centralina e nella gestione del turbo, nell’iniezione e nel sistema di scarico. La potenza è di 110 CV, con una coppia massima di 200 Nm, mentre le emissioni di CO2 si attestano a 97 g/km.

Sulla Octavia G-TEC sono presenti il sistema Stop&Start e il sistema di recupero dell’energia frenante. Secondo il Costruttore ceco, con il metano si percorrono 100 km con 3,5 kg di carburante, con un’autonomia di 410 km, mentre un pieno costa circa 14 euro. L’autonomia a benzina dichiarata è pari a 920 km, per un totale di 1.330 km.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>