Via la Vectra, il futuro è Insignia!

di Redazione Commenta

Una forte carica innovativa in termini di design e strategie per il futuro che in Italia arriverà solo..

Fermento e soddisfazione in casa Opel, per un progetto nuovo che rappresenta il consolidamento definitivo e una svolta importante per la casa automobilistica tedesca.
Una forte carica innovativa in termini di design e strategie per il futuro che in Italia arriverà solo all’inizio del 2009. Opel Insignia, nel frattempo, ha già cominciato a far parlare di sé e a raccogliere consensi più che positivi.

Forme piene, telaio rigido; nuovi sistemi di interfaccia tra vettura ed utente e tecnologia al top della categoria, anzi di più. Motori diesel e benzina fino a sei cilindri, quasi tutti sovralimentati, cambi manuali e automatici, anche robotizzati. Gli esterni sono quasi quelli di una coupé quattro porte, bassa e sportiva, con un’abitabilità interna da grande berlina.

L’Insignia, infatti, lo è, è una vettura emozionante, un mix tra funzionalità e precisione di alta categoria. Vedere la nuova Insignia è capire la nuova concezione di auto di casa Opel e questo modello ne è l’emblema. Gli interni sono curatissimi, la plancia è avvolgente, tutto è studiato per dare sportività, con un notevole comfort.



Novità assoluta è la griglia frontale, grande e massiccia, per strada saprà di sicurofarsi notare. Poi la fiancata, caratterizzata da una linea a lama concava, e il cofano spigoloso. L’attesa intorno all’Insignia cresce, soprattutto dopo le foto della vettura diffuse poche settimane fa in rete, a seguito della presentazione tenutasi nel quartier generale Opel in Germania.

L’Insignia verrà presentata il mese di luglio al Salone dell’Auto di Londra. Bella e accattivante, ma soprattutto nuova e rivoluzionaria. Prepariamoci alla nuova era Opel, ormai manca davvero poco.

lamluc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>