Opel Insigna

di Gabriele 4

Questa volta sembra che in Opel abbiamo deciso seriamente di attaccare il segmento D del mercato..

Ha debuttato finalmente al salone di Londra la Opel Insigna che sostituisce di fatto la Vectra nei listini della casa tedesca. Questa volta sembra che in Opel abbiamo deciso seriamente di attaccare il segmento D del mercato automobilistico.

A differenza della precedente Vectra la Insigna ha concentrato gli stilemi delle auto più in voga al momento.

Una operazione di marketing alla giapponese, che sa di collage ma che effettivamente ha sfornato un prodotto che riesce a piacere fin dal primo incontro e se la qualità costruttiva e di assemblaggio è quella proverbiale di Opel i numeri saranno soddisfacenti.





Il design della Insigna si discosta dall’attuale produzione Opel, sono pochissimi gli spigoli vivi sacrificati per linee morbide e armoniose che la fanno sembrare una grossa coupè.

Effettivamente la vista laterale ricorda vagamente le forme della Passat CC con la linea di cintura alta e i finestrini che seguono l’andamento del tetto.

Bella la nervatura che percorre la parte bassa della fiancata, rendendola visivamente più muscolosa. Anche il frontale non brilla per originalità ma vale anche qui il discorso fatto sul gradimento in generale immediato.

Dalle immagini ufficiali gli interni si presentano totalmente nuovi rispetto alle Meriva, Astra e Signum, abbandonando il design del monolite centrale squadrato e optando per una consolle dalle forme morbide, in sintonia con il design esterno.

Le motorizzazioni previste sono sette, quattro a benzina da 4 a 6 cilindi con potenze da 115 a 260 cv., tre diesel con potenze da 110 a 160 cv.

Gabriele


Commenti (4)

  1. Oggi 11 marzo 2009, ho incontrato una bisarca carica di auto Opel tra le quali c’erano anche alcune “Insigna”, quindi per la prima volta ho potuto vederla dal vivo. L’auto conferma quello che si è visto sui giornali o su internet, ossia che è davvero una gran bella automobile! Finalmente la Opel ha fatto una gran bella auto! (tutte le Opel prodotte finora non mi sono mai piaciute!) Bravi! Pure le motorizazioni diesel mi sembrano di alto livello, un pò meno quelle a benzina.

  2. io vorrei tanto vederla dal vivo, mi intriga tanto!

  3. Bravi quelli della Opel hanno capito che è meglio copiare le linee delle concorrenti in germania per poter vendere, almeno non ci proporranno più spero quelle linee da disegner ultimo della classe, come un famoso spot che dice: “” meglio copiare no? “

  4. E’ arrivata la seconda serie della Opel INSIGNA! La serie precedente è stata per 8 anni un’auto di successo. Questa seconda serie, che qualche giorno fa ho visto parcheggiata per strada, ha velleità maggiori rispetto al modello che va a sostituire. Non a caso è cresciuta di dimensioni e pure i contenuti sono aumentati. Ora la vedo quasi come un’auto che vuole “giocare” a fare l’ammiraglia, offrendo alcuni contenuti tipici delle auto della categoria superiore. Non so se ci riuscirà, ma le sue qualità generali non sono in discussione! Si tratta di una bella automobile con tante qualità. Semmai, qualche difficoltà la Opel in questo momento la incontrerà a livello di immagine a “spiegare” alla clientela il passaggio di proprietà al Gruppo PSA. Ma comunque credo che in casa Opel ci riusciranno bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>