Yamaha T-Max regina del mercato

di Gabriele Commenta

Con 14668 unità vendute da gennaio a luglio (fonte ANCMA) si conferma la regina delle vendite in Italia, nonostante il suo prezzo di vendita non sia proprio a buon mercato...

t-max-500

Con 14668 unità vendute da gennaio a luglio (fonte ANCMA) si conferma la regina delle vendite in Italia, nonostante il suo prezzo di vendita non sia proprio a buon mercato.

Certamente ciò che stimola gli appetiti nei confronti di questa moto, chiamarla scooterè un po’ riduttivo, è l’insieme di caratteristiche che la rendono unica.

Il design, le prestazioni, la qualità costruttiva e di assemblaggio sono i punti di forza primari della Yamaha Tmax, che sa trovarsi a proprio agio nel traffico cittadino come nei veloci trasferimenti autostradali.

Guarda le foto del T-Max 500 ||




Quando è stata presentata nel 2001 la Tmax ha rivoluzionato il mondo delle moto, infatti ha incarnato in se le caratteristiche tipiche di una motocicletta, quali telaio, sospensioni e collocazione del propulsore, alle comodità proprie degli scooter, la posizione di guida rilassata, la protezione aerodinamica e il cambio automatico.

Il modello 2008 ha ricevuto dei piccoli ritocchi volti soprattutto a migliorare il già alto comfort di marcia.

Nuovo il disegno della sella e maniglie più grandi per il comfort del passeggero, nuovo parabrezza più protettivo, nuovi portaoggetti e restyling sia del frontale che della coda.

Autonomia aumentata con il serbatoio portato a 15 litri, questo è stato un punto dolente delle precedenti versioni. La ciclistica ha beneficiato di un nuovo e leggero telaio in alluminio pressofuso più leggero di 5 kg, rispetto al precedente.

Lo scarico ha adesso un sound più sportivo e la curva di coppia è stata rivista per offrire una guida più adrenalinica.

La Yamaha Tmax 500 è in vendita a 9.195 f.c., 500 euro in più per la versione con ABS.

Gabriele


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>