Verstappen non è più vicino alla Ferrari

di Alba D'Alberto Commenta

Il 18enne olandese ha mostrato grinta e carattere e naturalmente si pensa a lui come al successore di Raikkonen. La Ferrari si sta certamente guardando in giro e tra i talenti emergenti c’è anche Verstappen. Il ragazzo però resta defilato e apprezza soltanto il fatto che si parli di lui. 

Il 18enne Max Verstappen, olandese figlio d’arte, 49 punti nella stagione d’esorsio in F.1, è già considerato uno dei pezzi pregiati del mercato. Scrive così la Gazzetta dello Sport confermando che il ragazzo è nell’occhio del ciclone motoristico, è uno dei piloti più ambiti dalle scuderie maggiori anche se – valutata la sua giovane età – è meglio che faccia ancora un po’ di gavetta.

Nel 2017 potrebbe arrivare alla Ferrari per sostituire Raikkonen? Il pilota della Toro Rosso prova a rispondere alle indiscrezioni mantenendo un profilo  molto basso:

“È molto positivo quando le persone iniziano a parlare di te in quel modo – ha detto il pilota della Toro Rosso ad Autosport -, ma io sono contento di dove mi trovo ora e sono abbastanza rilassato su questa cosa. Ho ancora molto da imparare e il modo migliore per farlo credo sia restare qui: il pacchetto non è male, poi fra qualche anno potrei arrivare in un top team, ma al momento mi diverto a lottare per la top ten e mi piace molto la battaglia per entrare nella Q3 in qualifica”.

E a chi gli fa notare che all’inizio della stagione la stampa era molto scettica sul suo conto e adesso è tenuta a ricredersi, lui replica:

“Non mi piace parlare del fatto che la stampa possa essersi sbagliata: a me interessa solo dimostrare in pista il mio valore, cosa che ho fatto in questa stagione”. Infine le speranze per il 2016: “Se la Renault non aumenterà la potenza, la Toro Rosso sarà più veloce”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>