La Ferrari verso il Giappone, ma resta con i piedi per terra

di Redazione Commenta

Sarebbe troppo semplice farsi trasportare dalle ali dell’entusiasmo adesso. Un po’ perché i complimenti alla Ferrari arrivano da tutti i fronti, anche dagli avversari e un po’ perché effettivamente questo motore della Rossa è migliorato parecchio. Ma Vettel invita tutti a restare con i piedi per terra ed ha la solidarietà di Kimi. 

Due compagni di squadra e un solo obiettivo, riportare la Ferrari sulla vetta del mondo. Ma in che modo? Collezionando successi con pazienza e accettando gli errori con senso critico. Adesso Vettel in vista del GP del Giappone, resta con i piedi per terra e a Ferrari.com dichiara:

A Singapore è stato fantastico: tutto si è combinato alla perfezione e abbiamo ottenuto il risultato perfetto, ma qui a Suzuka sarà un weekend di gara molto diverso, perché diversi sono il circuito, le condizioni, gli pneumatici diversi. Lì abbiamo visto la Mercedes in difficoltà, ma dobbiamo essere realistici: credo che qui molte cose cambieranno e che in gara saranno loro i favoriti. Noi dobbiamo guardare a noi stessi e al nostro lavoro, abbiamo una buona macchina e, più o meno, possiamo fare bene su tutti i circuiti. La pista mi piace, è una delle miei preferite in calendario e penso che sia il miglior circuito al mondo. Se volete sapere come dovrebbe essere una pista di Formula 1, basta gaurdare il primo settore qui. E’ bello avere così tanti tifosi, qui sono molto appassionati di corse, di Formula 1 e di piloti. E’ l’unico posto dove già il giovedì la tribuna è piena, anche senza macchine che girano, solo per vedere come vengono assemblate e come lavorano i meccanici. Questa è l’unica volta che veniamo nel loro paese, e la maniera in cui dimostrano il loro apprezzamento rende il nostro lavoro molto più gradevole.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>