F1, ecco cosa cambierà nella prossima stagione

di Gtuzzi Commenta

Il fatto che i nuovi regolamenti slitteranno porterà i team a dover pensare in merito agli sviluppi delle attuali monoposto, provando a contenere il più possibile ovviamente le varie spese che saranno necessarie. Stando a quanto è stato messo in evidenza dal portale britannico RaceFans.net, i team stanno lavorando su dei potenziali aggiustamenti al carico aerodinamico sulle monoposto per la stagione 2021.

F1, innovazione senza sforare i budget

Al contempo, ovviamente, è da sottolineare come i team faranno di tutto per limitare il più possibile che tutta questa situazione possa avere un impatto sui propri budget. La prima proposta che dovrà essere presa in considerazione è quella relativa alla riduzione del carico aerodinamico sulle monoposto di F1 del prossimo anno.

È arrivato un accordo tra i vari direttori tecnici dei diversi team di F1 in merito alla riduzione del carico aerodinamico che viene prodotto da questa generazione di monoposto. Come detto, si tratta di regole che entreranno in vigore nel 2021. Bisogna sottolineare come, in precedenza, c’era stata la scelta dei vari team di ritardare le nuove regole del comparto tecnico addirittura di dodici mesi, rimandandone l’entrata in vigore, in poche parole, al 2022.

Tutto questo significa semplicemente che le attuali monoposto verranno sfruttate con le medesime specifiche anche nel 2021. Ad ogni modo, è da notare come la F1 proseguirà con l’uso degli stessi pneumatici attuali, ovvero quelli da 13 pollici che sono stati lanciati da Pirelli.

La riunione del Gruppo Tecnico di Lavoro è avvenuta, ovviamente, in videoconferenza, viste le stringenti misure di sicurezza che stanno regolando l’attuale situazione di quotidianità non solamente per tutti i Paesi del Vecchio Continente, ma più che altro per il mondo intero. Ed è ormai in fase di dirittura d’arrivo una proposta che intende apportare una serie di modifiche dal punto di vista tecnico alla carrozzeria, ma non solo. Oggetto di questi cambiamenti saranno anche la base della vettura, le ali, in modo tale da diminuire il più possibile i livelli di carico aerodinamico e, di conseguenza, pure il carico che riguarda gli pneumatici.

L’obiettivo delle squadre è chiaramente quello di limitare il più possibile le varie spese legate allo sviluppo delle vetture, garantendo pur sempre la possibilità di mettere a posto le varie debolezze che caratterizzano i progetti attuali. Di conseguenza, è in fase di proposta un progetto di gettoni di sviluppi. Cosa vuol dire? Significa che i team potranno focalizzare i rispettivi programmi di sviluppo su un quantitativo limite di zone al di sotto del cofano in merito ai progetti del 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>