Alfa Romeo 8C Competizione, primo sbarco negli USA

di Gabriele Amodeo Commenta

E’ arrivato negli States il primo degli 85 esemplari della prestigiosa ed esclusiva creatura Alfa Romo, la 8C Competizione..

E’ arrivato negli States il primo degli 85 esemplari della prestigiosa ed esclusiva creatura Alfa Romo, la 8C Competizione, destinati al mercato americano. Il fortunato, e certamente invidiato, nuovo proprietario dell’auto è un rinomato collezionista, James Glickenhaus, possessore di altre meraviglie italiane, come la Ferrari P4/5, esemplare unico costruito a Maranello su specifiche richieste dell’amatore americano.

L’Alfa 8C Competizione con una cerimonia ufficiale è stata consegnata a Glickenhaus, che ne ha voluto immediatamente testare su strada le doti. Ha voluto inoltre ribadire il suo orgoglio di essere il primo proprietario americano di questo esclusivo modello ed ha esaltato le fascinose forme realizzate dal Centro Stile Alfa Romeo.


La 8C è effettivamente uno dei modelli che riesce a trasmettere al meglio lo stile e la tradizione italiana nella realizzazione di auto sportive. Riesce ad essere incredibilmente innovativa pur conservando un sapore decisamente classico, quasi retrò. Forme morbide e sinuose, imponenti senza mai essere sgraziate, armonicamente si fondono per realizzare una automobile che piace al primo sguardo e che difficilmente si dimentica, destinata sicuramente, se già non lo ha fatto, ad entrare nella storia.


Il propulsore che equipaggia la 8C Competizione è in grado di regalare emozioni al pari del design; si tratta di un V8 da 4.7 litri di derivazione Maserati, con una potenza di 450 cavalli e coppia di 470 Nm. Il tutto abbinato ad un cambio Transaxle robotizzato a 6 rapporti e comandi al volante.
Gli esemplari che complessivamente verranno prodotti della Alfa 8C Competizione saranno soltanto 500.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>