Alfa Romeo 4C attesa in USA

di Francesco Di Cataldo Commenta

Secondo gli analisti, grazie alla Alfa Romeo 4C, il marchio del Biscione potrà ritrovare la propria grinta anche negli Stati Uniti d'America..

Si può dire quello che si vuole, ma l’Alfa Romeo 4C è veramente un gioiellino e questo in casa Fiat lo hanno capito molto bene al punto che l’amministrazione ha deciso di iniziare la produzione il più veloce possibile annunciando che il primo modello verrà lanciato sul mercato entro il 2013 o addirittura entro la fine del 2012.

Secondo gli analisti, grazie alla Alfa Romeo 4C, il marchio del Biscione potrà ritrovare la propria grinta anche negli Stati Uniti d’America e questo grazie anche all’acquisto di Chrysler da parte di Fiat Group.



La 4C verrà venduta in USA prima del lancio europeo e questo fa storcere il naso a tutti quegli appassionati che non vedono l’ora di comprare uno dei 20 mila esemplari che verranno prodotti in tranche di 4 mila veicoli all’anno. La coupè compatta di casa Alfa è disponibile solamente nella versione 2 posti secchi con motore anteriore, ma trazione posteriore come vuole la tradizione alfista.

ALFA ROMEO 4C AL SALONE DI GINEVRA

Dopo il lancio dell’auto durante lo scorso salone di Ginevra, Alfa Romeo ha voluto riproporre la 4C anche al Salone di Francoforte 2011, sbarcando in Germania però con un nuovo colore. Secondo l’opinione popolare il colore che meglio si adatta alla 4C è senza alcun dubbio il rosso opaco come abbiamo avuto modo durante il salone svizzero.

FOTO ALFA 4C AL SALONE DI FRANCOFORTE 2011

L’auto in allestimento da salone pesa solamente 850 kg, ma è probabile che il peso post-produzione aumenti di almeno un quintale. Come sappiamo il motore sarà un 1750 benzina da ben 200 cavalli assistito da un cambio a doppia frizione a secco Alfa TCT.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>