Mahindra studia le elettriche a guida autonoma

di Alba D'Alberto Commenta

Le macchine con guida autonoma sono nell’occhio del ciclone dopo che è stato registrato il primo incidente di un’auto Tesla con pilota automatico, un incidente mortale. Mahindra vuole cavalcare l’onda con un’ottima proposta. Vediamola insieme. 

Per ora sono soltanto delle indiscrezioni, quelle rilasciate ad Autocar da Mahindra che avrebbe messo allo studio una gamma di auto elettriche a guida autonoma. Il Gruppo indiano avrebbe investito in sei case automobilistiche, in quattro aziende IT (Information Technology) e in diverse compagnie specializzate in tecnologia. Un investimento notevole soprattutto considerando che si tratta di un mercato ancora da costruire. Ma Mahindra ci crede infatti il suo amministratore delegato, ha parlato di obbiettivi e di futuro dell’azienda, spiegando che si specializzerà nella realizzazione di auto elettrice a guida autonoma.

cq5dam.web.650.600 (3)

“Se si guarda al futuro della mobilità – ha dichiarato Mahindra – possedere una delle più grandi aziende IT in India nel proprio gruppo è un grande vantaggio. Stiamo già svolgendo un enorme quantità di lavoro su veicoli a guida autonoma con altre società di cui, per ora, non posso svelare il nome. E parte di quella tecnologia andrà a equipaggiare le nostre auto e i nostri veicoli elettrici”.

Le nuove vetture a guida autonoma potrebbero essere commercializzate non direttamente dal marchio Mahindra ma potrebbero prima passare da SsangYong e dalla Pininfarina. L’esecutivo della società è certo di questo. In un articolo di Quattroruote leggiamo quanto segue:

Per il momento, comunque, non ci sono indicazioni relative al tipo di veicoli autonomi allo studio né alle tempistiche di messa a punto. L’unica cosa certa è che la Pininfarina svilupperà una supercar elettrica, prendendo spunto dall’esperienza maturata dalla Mahindra nella Formula E.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>