Il futuro della Ducati si sceglie adesso

di Alba D'Alberto Commenta

Borgo Panigale è arrivata alla svolta e la casa di produzione emiliana ha deciso di legarsi ad Aruba, la web company italiana che sarà il suo sponsor per i prossimi tre anni. Molto di questo nuovo accordo dipende dalla gestione sportiva e dal tester Luca Scassa. La Ducati, sul medio periodo, sarà impegnata in Sbk e non si dimenticherà chi è sotto scadenza di contratto. 

Il 22 febbraio da Phillip Island inizia il nuovo campionato di Superbike e la Ducati ha deciso di partire subito nel migliore dei modi con un nuovo sponsor Aruba che dovrebbe aiutare la casa di Borgo Panigale a conquistare il titolo iridato. Stavolta ci credono tutti e la livrea delle  moto ufficiali affidate a Davide Giuliano e a Chaz Davies sono già state modificate e presentate.

Per tre anni quindi Aruba.it sarà lo sponsor di Ducati e ci saranno numerose implicazioni strategiche perché Aruba ha deciso di finanziare l’azienda ma sarà coinvolta anche nella gestione sportiva attraverso Luca Scassa che è un ex campione italiano della categoria e per l’anno 2015 sarà anche il tester ufficiale del settore corse della Ducati.

Per quanto riguarda lo sviluppo della Ducati 1199 Panigale che ha debuttato nel 2013 ci sarà ancora una volta il reparto corse guidato da Ernesto Marinelli. Per la gestione in Pista Ducati e Aruba invece, confermano la Feel Racing, un struttura con sede a Crespellano vicino Borgo Panigale. Queste due realtà, infatti, collaborano da 15 anni. Il team manager sarà ancora una volta Serafino Foti.

Abbiamo accennato alle implicazioni di Aruba.it. Grazie a questo accordo la Ducati ha battuto sul tempo la rivale storica, l’Aprilia che prima di lei aveva provato a conquistare i toscani di Aruba. In più l’accordo triennale consente una programmazione di lungo periodo con la scelta più oculata dei piloti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>