Tolti i veli alle vetture delle scuderie Haas e McLaren

di Alba D'Alberto Commenta

In molti potrebbero pensare che questo sia un articolo dedicato a squadre minori, squadre che non hanno grosse pretese nel campionato di Formula 1. Invece, come spesso accade, è proprio tra le squadre ritenute fuori dalla competizione principale, che si trovano le sorprese. Ecco le vetture della McLaren e della Haas.

Ieri c’è stato il debutto nei test della vettura della Haas, il team americano che l’anno prossimo correrà nel campionato di F1 con Grosjean e Gutierrez. Due piloti che hanno saputo dimostrare in pista il loro valore e che adesso sono pronti a fare scintille anche con questa nuova scuderia. La Haas è stata fornita del motore e del know-how dalla Ferrari. Dopo 30 anni un team americano torna in formula 1 e già questo potrebbe bastare per presentare con tutti i crismi la loro vettura. Il team principal della squadra, Guenther Steiner, ha detto di essere pronto, esattamente come i suoi piloti:

“Tutto è nuovo qui per noi” – ha spiegato il team principal Guenther Steiner -. Non soltanto la macchina, ma l’intera squadra. Ora cercheremo di verificare subito in pista l’efficacia del lavoro effettuato durante l’inverno”.

Tolti i veli anche alla McLaren MP4-31, la vettura che dovrebbe far dimenticare alla squadra inglese il campionato del’anno scorso. In questo caso a farla da padrone è la partnership con Honda. La macchina è la prima firmata dall’ingegnere britannico Peter Prodromu, che dalla sua ha avuto modo d’imparare l’arte della progettazione da Newey. Ron Dennis non fa previsioni ma spera di tornare a vincere. Alonso è molto concentrato e vuole fare bene tant’è che dichiara:

“La nuova vettura è molto bella, ma soprattutto rappresenta il frutto di un grande lavoro fatto riguardo al pacchetto aerodinamico. Io sono pronto al cento per cento per riportarla in pista”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>