Se la Ferrari vuole, io resto. Parola di Raikkonen

di Redazione Commenta

Certo è che sentire Raikkonen parlare a cuore aperto è una vera novità e c’è da chiedersi se non sia proprio questa Ferrari a fare miracoli. Il pilota di recente ha rilasciato delle dichiarazioni alla RAI, dopo il GP di Shanghai che fanno pensare ad un suo futuro a Maranello. Raikkonen fa squadra con Vettel e insieme sono l’anima nuova della Ferrari, l’anima ritrovata della scuderia di Maranello che in queste prime gare è riuscita a togliersi qualche soddisfazione. Raikkonen è fiducioso nelle performance della sua monoposto e cerca di non mancare mai all’appuntamento con la pista, anche la più difficile per la Ferrari. A Shanghai è quarto ma è quello che dice alla fine del GP di Cina ad essere sorprendente.

Se riuscirò ad avere un fine settimana liscio sono certo che potrò stare davanti. Il mio obiettivo è questo. Non sono preoccupato per il distacco in classifica da Vettel; certo la situazione non è ideale, ma è la realtà dei fatti. La gente crede che tra me e Seb possano sorgere problemi interni per la competizione, ma il nostro rapporto va bene, come prima. Noi andiamo d’accordo, sia come amici che come colleghi. Poi in pista è normale vogliamo superarci, ma collaboriamo volentieri per il bene del team.

Il clima è cambiato molto da quando è giunto in Ferrari Arrivabene, si lavora in armonia e tutti vanno nella stessa direzione. Questa dinamica di gruppo molto positiva lo incoraggia anche ad aprirsi e così scopriamo tutte le sue emozioni legate all’essere diventato papà, alla voglia di far salire il piccolo Raikkonen in auto, sperando che sia una Ferrari:

Non credo alla leggenda del pilota che diventa padre e diventa più lento, ma sono tante le cose a cui non credo. Se resterò in Ferrari? Bisogna capire cosa ne pensa il team principal, se la Ferrari mi vuole…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>