Raikkonen crede si possa fare ancora bene

di Alba D'Alberto Commenta

Vettel resta cauto e vuole scoprire fino a che punto potrà spingersi con la sua Ferrari. Poi c’è Alonso che non ha preso bene questa vittoria della Ferrari e la considera con un po’ di acidità, un fuoco di paglia. Poi c’è anche Raikkonen che dice la sua, ghiacciando gli altri. 

Alonso ha rilasciato una dichiarazione molto velenosa che non colpisce direttamente Vettel ma spara un po’ a zero sulla Ferrari che secondo l’asturiano è condannata ad essere seconda. Una posizione, la seconda, che a lui non piace più. Lui vuole vincere anche se parte in ritardo e per ora sembra condannato alla rincorsa.

E Raikkonen in tutto ciò? È pur sempre il secondo pilota della Ferrari, ha esperienza e nel silenzio dei più riesce a portare a casa parecchi risultati. La sua dichiarazione è calma e dà speranza ai tifosi:

“In generale penso che possiamo essere piuttosto forti ovunque, perché abbiamo la velocità, ma dobbiamo sbarazzarci di tutti i problemi, anche quelli che non dipendono da noi, come le forature…Ovviamente occorrerà puntare ad un fine settimana senza problemi, ma sono certo che potremmo far bene. Anche se questa pista è diversa dalle altre, finora la SF15-T è andata bene in tutte le condizioni e non vedo perché qui debba andare diversamente. Certamente fa più freddo e il tracciato è impegnativo, ma disporre di una buona macchina aiuta. Domani vedremo, non mi aspetto grandi sorprese”.

Poi sulla prossima gara dice:

Ogni circuito fa storia a sé. Si possono trovare condizioni meteorologiche variabili e di conseguenza una vettura può comportarsi meglio su un tracciato rispetto ad un altro. Forse non siamo dove vorremmo essere, ma rispetto allo scorso anno le cose sono cambiate parecchio, anche se abbiamo ancora molto da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>