Chi è Lella Lombardi e qual è stato il suo ruolo nella F1

di Redazione Commenta

Oggi si sente parlare della richiesta, quanto mai astrusa, di avere in F1 e in particolare sulla griglia di partenza che rappresenta una passerella, soltanto delle donne VIP e chic, con un tocco glam e via discorrendo. Cosa avrebbe detto di quest’ultima notizia Lella Lombardi?

Abbiamo già parlato di Ernestina Prola, la prima patentata d’Italia e vogliamo dedicarci ancora alle donne e ai motori, un binomio che non può esserci soltanto in virtù dei calendari che tutti conosciamo. A che perché il rapporto che le donne hanno con le auto sta cambiando, sono molto più pratiche e risolute, oltre al fatto che dalle statistiche emerge che guidano anche meglio degli uomini, causando meno incidenti.

Eppure la Formula 1, showbiz per eccellenza del mondo motoristico, è appannaggio degli uomini. Ecclestone interpreta la griglia come una passerella e non è che stia sempre lì a sottolineare che in F1 ci sono anche Susie Wolff e compagne.

Chissà se qualche anno fa, con Lella Lombardi in pista, avrebbe osato tanto, almeno a parole. Maria Grazia “Lella” Lombardi, è nata a Frugarolo nel 1941 ed è morta a Milano nel 1992. Era una pilota automobilistica italiana e le fonti più autorevoli ne parlano come della seconda donna a guidare una monoposto in F1.

In realtà la si dovrebbe ricordare come l’unica a giunger in zona punti e l’unica a disputare 12 gran premi: Maria Teresa de Filippis che l’aveva preceduta, ne corse soltanto 4. E non erano figlie d’arte, nessuna delle due. La Lombardi aveva il papà macellaio e produttore di salumi ma era sempre stata attratta dalla velocità. Il suo carattere grintoso l’ha premiata riservandole un posto nella storia. Potete leggere qualcosa di lei anche qui. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>