Bylot Six Days 175 ad EICMA 2012

di Redazione Commenta

Una bella novità artigianale ad EICMA 2012

EICMA è anche un’esposizione per moto personalizzate e artigianali. Quest’anno è stata presentata la Bylot, dal Brianzolo “bilòtt”, creata da un monzese doc, Enrico Farina, con la collaborazione del Motoclub Monza, fondato nel 1919, ed esposta allo stand di Moto Factory Italia, che ha anche collaborato al suo assemblaggio.


La
Bylot Six Days 175 è una moto artigianale realizzata su un telaio in tubi di acciaio al CrMo molto particolare, con il motore fissato con due bretelle imbullonate ad una forma a doppia culla superiore. Le sospensioni sono, anteriormente la forcella Marzocchi, e posteriormente due importanti Öhlins a serbatoi separati, costosi ma di sicuro affidamento. Per chi vuole risparmiare può scegliere la soluzione con gli ammortizzatori Ikon modificati sul design dei Bilstein oppure scegliere la soluzione dei Corte&Cosso o delle repliche artigianali. I freni sono a tamburo conico mentre i cerchi tubeless in alluminio della Alpina.

EICMA 2012 alcune aziende presenti
Custom EICMA 2012

Il motore base della Bylot è il giapponese Daytona Anima da 187,2 cc, monocilindrico e mono albero capace di erogare 26 cavalli. Il carburatore è un Mikuni mentre il cambio è a 4 marce, mentre l’avviamento è a pedale. Lo scarico è della Leovinci. Sembra che comunque per il futuro il carburatore scelta sarà un Dell’Orto, mentre si prevede mi inserire una quinta marcia a sequenza tradizionale, mentre ora le marce sono tutte in su. Probabilmente sarà incrementata anche la cilindrata, fino a 202 cc con testata elaborata. Per chi ha più disponibilità economica può scegliere il sofisticato motore Takegawa da gara, 8 kg in meno ed avviamento elettrico opzionale, ma anche un prezzo quattro volte superiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>