Fiat 500L Vans in edizione speciale

di Alessandro Bombardieri Commenta

In occasione degli US Open di surf, in corso di svolgimento a Huntington Beach in California e patrocinati dalla Vans, è stata presentata la concept Fiat 500L Vans, nata in collaborazione tra la Casa italiana e il produttore di calzature americano.

Gli elementi che distinguono questa speciale vettura sono la verniciatura bicolore blu scuro-bianco e il tetto a scacchi blu-neri, gli elementi di plastica non verniciati a protezione dei passaruota e del sottoscocca, oltre ai quattro fari di profondità a led circolari, posizionati sotto il logo Fiat. Nell’abitacolo si notano i sedili con grafiche dedicate e colori in tinta con quelli della carrozzeria; realizzati in tela, proprio come le Vans. La fascia plastica ai lati e sotto la plancia non è in tinta con la vettura ma propone gli stessi motivi utilizzati da Vans per i propri capi di abbigliamento. Il motore della 500L Vans è il 1.4 T-jet a benzina da 160 CV, vale a dire quello montato sulla Abarth 695.

Lo scorso mese di giugno ha fatto il suo debutto nelle concessionarie la nuova Abarth 500 2014, disponibile in nuovi colori, inedite finiture e con il quadro strumenti a colori con display digitale da 7 pollici. Scegliendo la modalità “normal” è visualizzato l’indicatore del livello del carburante e del consumo istantaneo, mentre “sport” permette di visualizzare alcuni dati relativi alle prestazioni come l’accelerazione laterale e la pressione del pedale dell’acceleratore. Per quanto riguarda la colorazione esterna sono disponibili 4 nuove vernici monocolore e 3 bicolore (Grigio Pista, Beige Rally, Grigio Trofeo, Rosso Cordolo; Grigio Pista abbinato all’Azzurro Leggenda, Beige Rally con il Rosso Cordolo o il Grigio Trofeo). Debutta un nuovo disegno per i cerchi in lega da 16 pollici di ispirazione retrò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>