I brand più ecologici sono quelli automobilistici

di Alessandro Bombardieri Commenta

Il Best Global Green Brands, l’annuale riconoscimento destinato ai marchi che più si distinguono nel perseguimento di obiettivi ecologici, è stato ancora una volta dominato dai marchi del settore auto.

Per la prima volta il premio è andato alla Ford, che ha preceduto in questa speciale classifica Toyota, che cede la corona dopo tre anni di dominio, Honda e Nissan, tutte comunque davanti a marchi importanti come Panasonic Nokia, Sony, Adidas o Danone. In totale i marchi del settore auto hanno occupato il 20% dei primi 50 in classifica.

La classifica è stata realizzata basandosi sul reale impegno “green” a livello di management, coinvolgimento dei soci, metodi produttivi e distributivi, oltre a quello dell’immagine percepita dai clienti, sia a livello di azioni concrete che di comunicazione.

Come spiegato da Interbrand, il successo di Ford si spiega con il sempre maggiore impegno dei Costruttori verso l’efficienza e il basso impatto abientale, con l’offerta di modelli ibridi ed elettrici che aumenta in maniera costante. Ford in particolare si è distinta per due modelli ibridi, le due ibride plug-in e l’elettrica, oltre alla ricerca nell’utilizzo dell’idrogeno e delle celle a combustibile, oltre che per l’utilizzo sui modelli americani di sedili con rivestimenti riciclabili e imbottiture ottenute dai semi di soia, un sistema che permette di risparmiare ogni anno 2.268 tonnellate di petrolio. Toyot invece gode sempre della sua leadership nelle vetture ibride, Honda ha puntato molto sulle auto ibride e a idrogeno, così come Nissan su Leaf, e-NV200 e le ibride Infiniti.

Classifica Best Global Green Brands
1- Ford
2- Toyota
3- Honda
4 – Nissan
5 – Panasonic
6 – Nokia
7 – Sony
8 – Adidas
9 – Danone
10 – DELL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>