Tesla Android Auto, Apple Carplay Hack ora ha un’integrazione completa per tutti i veicoli Tesla

di Redazione Commenta

Quando a gennaio lo sviluppatore Michal Gapinski ha annunciato di essere al lavoro sul Tesla Android Project, la cosa sembrava promettente per i proprietari di Tesla intenzionati a dotarsi di Android Auto o Apple Carplay.

Lo sviluppatore ha anche realizzato un video che mostra come la sua soluzione funziona sia con Android Auto che con Apple CarPlay; potete vederlo qui sotto. Il software aggiornato gestisce Netflix, Apple Music, A Better Route Planner e PlugShare nel filmato. Gapinski ha anche detto che Tesla Android è stato migrato ad Android 12.1 per migliorare la stabilità.

Purtroppo, l’hack richiede ancora una certa abilità e due schede Raspberry Pi. La principale è un Raspberry Pi 4 per funzionare come dispositivo principale per eseguire Android. Gapinski raccomanda che abbia almeno 4 Gb di RAM.

 

La seconda deve essere un Raspberry Pi 3 o più recente. Agirà come dispositivo secondario per l’esecuzione di Linux. Gestirà anche il video e la rete. Gapinski ha detto che qualsiasi configurazione disponibile va bene. In ogni caso, il piano è di non avere bisogno delle due schede in futuro, rendendo l’hack più accessibile ad altri utenti.

I requisiti hardware includono un Geekworm TC358743XBG HDMI-CSI-2 per l’acquisizione video e un modem LTE che funzioni su Raspbian (Gapinski suggerisce Huawei E3372 o Alcatel IK41VE1 per l’Europa e Alcatel IK41UC per il Nord America). Non dimenticate un breve cavo da micro HDMI a HDMI per collegare l’uscita video di Android all’adattatore da HDMI a CSI e un breve cavo ethernet per consentire alle due schede Raspberry Pi di parlare tra loro.

Come si può vedere, si tratta di un sistema molto divertente per chi è appassionato di computer e programmazione, mentre i clienti abituali scapperanno via terrorizzati (mentre piangono). Rendere il sistema più facile da usare è un requisito per la sua diffusione. Tesla potrebbe offrirlo da sola e rendere le cose più semplici per tutti. Speriamo solo che non lo faccia dopo che Gapinski avrà raggiunto i suoi obiettivi con il progetto.

Dopo Android Auto, CarPlay di Apple arriva anche sulle auto Tesla

Una delle maggiori seccature di una Tesla nuova di zecca è, senza dubbio, la mancanza di supporto per Android Auto e CarPlay su cui installare ad esempio passatempi divertenti come Casino777 blackjack, anche se queste auto sono perfettamente in grado di farli funzionare entrambi.

E se chiedete a Elon Musk, fareste meglio a non sperare in un futuro aggiornamento che porti queste funzionalità sulle Tesla vecchie o nuove.

Ecco perché la comunità di sviluppatori di terze parti ha deciso di intervenire.

Non molto tempo fa, Emil Borconi, lo sviluppatore che ha lanciato il famoso progetto AAWireless (che trasforma Android Auto da cablato a wireless) ha trovato una soluzione per far funzionare l’app di Google su una Tesla. Utilizzando un’applicazione dedicata installata su un dispositivo mobile e una connessione all’hotspot del telefono, si dovrebbe essere in grado di utilizzare Android Auto in una Tesla tramite il browser precaricato.

L’applicazione è diventata incredibilmente raffinata negli ultimi tempi, quindi a prima vista tutto funziona nel modo più fluido possibile attraverso il browser.

Un altro sviluppatore ha ora creato quello che sembra essere un modo molto simile per portare CarPlay su una Tesla

Michal Gapinski ha spiegato su Twitter che il suo hack di terze parti si basa su CarPlay caricato nel browser dell’auto, più o meno come funziona attualmente l’implementazione di Android Auto di Borconi.

Secondo un recente rapporto, l’intero concetto si basa su una build personalizzata di Android installata su un Raspberry Pi, che consente di caricare l’interfaccia utente di CarPlay attraverso il browser. L’esperienza finora richiede ancora qualche ritocco, ma un video pubblicato su Twitter afferma che l’applicazione è più o meno utilizzabile, con il supporto dei comandi al volante.

Al momento non si sa quando i proprietari di Tesla potranno mettere le mani su questo hack, ma senza dubbio molti sono ansiosi di farlo, dato che non c’è alcun segno che questa funzionalità possa essere inclusa in un futuro aggiornamento del software.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>