Confermata ufficialmente la spider in collaborazione tra Alfa e Mazda

di Alessandro Bombardieri Commenta

Alfa starebbe prendendo in considerazione l'ipotesi di far rivivere lo storico nome Spider.

La notizia era nell’aria già da qualche mese, però nelle scorse è arrivata l’ufficialità della collaborazione tra Alfa Romeo e Mazda per la realizzazione di una nuova vettura spider. La nuova roadster a due posti secchi sarà realizzata in collaborazione fra le due Case, ma sul mercato arriveranno due diverse auto, differenti in alcuni particolari importanti come il propulsore. Ma vediamo meglio i dettagli di questo accordo…


Entrambe le auto saranno realizzate partendo dalla base meccanica della Mazda MX-5 di prossima generazione, in comune avranno quindi la trazione posteriore. Sia il modello Mazda che quello Alfa Romeo saranno costruiti nell’impianto Mazda di Hiroshima a partire dal 2015.

ALFA ROMEO GIULIETTA

Le due roadster avranno motori completamente differenti, infatti sul modello Mazda verrà molto probabilmente utilizzato il propulsore 1.3 litri turbo benzina con tecnologia SkyActiv, mentre sul modello italiano dovrebbe essere montata una versione speciale del 1.750 cc turbo benzina, capace di sviluppare circa 300 CV. Questo stesso motore attualmente è montato sulla Giulietta Quadrifoglio Verde, nella versione da 235 CV. Non è però nemmeno da escludere l’ipotesi di vedere un’evoluzione del 1.4 MultiAir (da 170 CV su Giulietta e MiTo) sulla futura spider. Il peso di entrambe le vetture dovrebbe essere molto contenuto, sfruttando le ultime tecnologie della Casa giapponese.

Sebbene per il momento non si sia ancora parlato di nomi, secondo le indiscrezioni raccolte dalla rivista inglese Autocar, Alfa starebbe prendendo in considerazione l’ipotesi di far rivivere lo storico nome Spider.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>