Multa autovelox data sbagliata non valida

di Alessandro Bombardieri Commenta

La data sbagliata poteva indicare un malfunzionamento generale dello strumento perciò la multa è da stracciare.

Arriva una sentenza dalla Cassazione che potrà far discutere.

Secondo quanto deciso dalla sentenza n.13887 della Seconda Sezione Civile della Cassazione se la data indicata sullo scontrino della multa di un autovelox è sbagliata, allora la multa è da considerarsi nulla.

Quando un automobilista viene beccato da un autovelox perchè supera i limiti di velocità, deve quindi assicurarsi che la data sullo scontrino sia esatta.

Neppure la presenza degli agenti al momento dell’accertamento può influire, in quanto gli agenti non sono sicuramente in grado di percepire sensorialmente la velocità tenuta dal veicolo in quel momento.

A far nascere il problema è stato un automobilista di Imperia, che ha contestato al giudice di pace di Sanremo una multa per eccesso di velocità perché sullo scontrino emesso dall’autovelox era riportata una data sbagliata, corretta nel verbale dall’agente di polizia.

Secondo l’automobilista, e secondo la Corte di Cassazione, la data sbagliata poteva indicare un malfunzionamento generale dello strumento perciò la multa è da stracciare.

I giudici ha affermato che un apparecchio che rilascia un documento relativo all’infrazione con data diversa da quella reale è certamente portatore di un’anomalia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>