Come compilare il C.I.D.

di Redazione 1

Vediamo insieme come compilare correttamente il modulo C.I.D.

Parliamo quotidianamente di automobili, delle loro prestazioni, dei loro prezzi e dotazioni, ma abbiamo fin’ora sorvolato sugli inconvenienti che possono derivare dalla circolazione stradale. Uno a cui spesso evitiamo di pensare è il contatto più o meno violento con altre autovetture…l’incidente stradale.

E’ certamente un evento in cui non vi auguriamo di essere coinvolti ma se dovesse verificarsi è importante cosa fare per evitare problemi e complicazioni.

Il primo suggerimento che vi diamo, è anche il più ovvio e civile, mantenere la calma e la lucidità, il danno ormai è fatto e infuriarsi o inveire contro il conducente dell’altro veicolo certamente non serve a rimettere a posto l’auto e può solo peggiorare le cose.


Se i veicoli coinvolti sono soltanto due, non è stato coinvolto ne un ciclomotore ne un mezzo agricolo, e si tratta di un incidente in cui è chiara la responsabilità di uno dei due conducenti, la soluzione migliore è ricorrere al C.I.D (Convenzione Indennizzo Diretto) utilizzando un modulo per la constatazione “amichevole del sinistro, il modulo Blu che solitamente ci viene consegnato alla stipula di un contratto di assicurazione RC Auto.

Il vantaggio di utilizzare il C.I.D. sta nella rapidità di risoluzione per la controparte lesa, con l’indennizzo diretto dei danni al veicolo da parte della propria compagnia di assicurazione, che si rivarrà successivamente e in sedi appropriate con la compagnia di chi ha la responsabilità dell’incidente.

La compilazione del modulo Blu è semplice, ma bisogna rispettare alcune regole per non invalidarlo. E composto da uno stampato con quattro sezioni principali: una intestazione, dove vengono inseriti la data, il luogo e la presenza o meno di feriti, in caso di danni fisici non può essere utilizzato il C.I.D. ma bisogna ricorrere all’intervento delle forze dell’ordine per i rilievi; due colonne di raccolta dati, una blu e una gialla, contrassegnate dalle lettere A e B dove vanno inseriti i dati dei conducenti e dei veicoli coinvolti, oltre alle rispettive compagnie di assicurazione.


Fare estrema attenzione all’inserimento dei numeri di targa e dei riferimenti personali dei conducenti; una colonna centrale con opzioni multiple che servono a descrivere la modalità del sinistro, bisogna sbarrare l’opzione con una X dal lato del conducente responsabile dell’incidente;

Uno spazio quadrettato posto sulla parte inferiore del modulo è da utilizzarsi per realizzare uno schizzo sommario della modalità con la quale si è svolto il sinistro; per finire la parte più importante l’apposizione in calce delle firme dei due conducenti, è infatti la condizione essenziale perché certifica da ambo le parti l’accettazione delle dinamiche esposte.

Vi ricordiamo sempre di tenere un comportamento responsabile in automobile, rispettare la segnaletica e i limiti di velocità, non utilizzare il telefono cellulare durante la guida, utilizzare sempre la cintura di sicurezza e non mettersi alla guida se si è sotto l’effetto di droghe, alcol o farmaci che influiscano sulla lucidità e sulla reattività.

Seguendo queste semplici regole dettate prima di tutto dal buon senso, il rischio di essere coinvolti diminuisce drasticamente.

Certo può sempre capitare e pertanto controllate di avere in auto almeno un modulo per l’utilizzo del C.I.D.

Commenti (1)

  1. salve volevo chiedere un vostro parere , io ero fermo in colonna a 2 corsie “quindi senso unico ” ed ero nella corsia di sinistra fermo la macchina davanti a me retrocedeva fino a collisionarmi….. ricordo che che eera a senso unico e che la patente della contro parte era scaduta da un paio di giorni il problema e che o compilato il cid in maniera molto annormale,riempendo comunque gli spazi…. ora mi chiedo o ragione comunque dalla mia assicurazione?io per sicurezza o fatto delle foto alla m ia macchina caso mai le volesse il perito.

    grazie in anticipo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>