Prove a Sepang: Melandri e Bautista sulla nuova Aprilia

di Alba D'Alberto Commenta

Anche il mondo motociclistico sta per ripartire e nel frattempo i paddock provano le moto, anche le nuove versioni. A Sepagn Alvaro Bautista e Marco Melandri hanno testato la nuova versione dell’Aprilia ma non sembrano contenti della risposta avuta dalla motoBisognava fare un bel lavoro di recupero (del tempo e dello sviluppo perduti) e sviluppo ma la direzione presa dalle evoluzioni dell’Aprilia non è stata quella che i tecnici avevano immaginato ed il primo ad ammettere gli errori è il direttore tecnico dell’Aprilia Racing Romano Albesiano che su crash.net dice:

In generale il commento dei nostri piloti è stato che la moto “Step 2” è peggiore rispetto all’altra. Non avevano feeling in entrata nelle curve e meno grip. Quindi c’era qualcosa di sbagliato con quella moto.E’ sempre una questione di trovare il giusto equilibrio in termini di posizione del baricentro. In questo caso particolare l’altezza del centro di gravità. Poi abbiamo alcune leggere differenze nella rigidità del telaio.

Trovare una soluzione a questi problemi non è facile per cui l’Aprilia ha deciso di portare via la moto e analizzarne i dati prima di effettuare le modifiche. In effetti l’altezza del centro di gravità cui fa riferimento Albesiano va ad incidere sulla coppia frenata/sterzata che si genera in accelerazione. Peccato che l’analisi sia arrivata a posteriori e non prima dei test che avrebbero dato il tempo ai tecnici di apportare delle modifiche per Sepang.

Fortunatamente il pilota collaudatore Aprilia Michael Laverty ha avuto modo di provare nuove idee applicate alla sua moto già durante i test Michelin e risultati in questo caso sono stati promettenti. Il divario tra Aprilia RS-GP e Aprilia RSV4 Superbike, potrebbe essere chiuso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>