Svelata la monoposto di Kvyat e Ricciardo, molo design

di Redazione Commenta

Daniel Ricciardo e Daniil Kvyat, sono questi i due piloti della Red Bull che quest’anno proveranno a difendere i colori della loro squadra con una monoposto che finora possiamo definire bella da vedere. Il design della scocca è incredibile, ma l’arma per raggiungere la vetta del mondiale F1 2015, è abbastanza affilata?

Per la presentazione della nuova Red Bull, la RB11, bisogna affidarsi alle parole di Adrian Newey che ha detto a chiare lettere che la vettura della sua squadra, quest’anno, non ha tutte le carte in regola per vincere il titolo mondiale. Non stupisce che di fronte a tanta lucidità anche Vettel sia riuscito ad andare in crisi. Meno male che poi, al campione tedesco, si sono aperte le porte di Maranello. E il quattro volte campione del mondo ricambia il favore imponendosi nella prima giornata di test di Jerez: si tratta solo di test ma chi ben comincia… Ma torniamo alla dichiarazione di Newey:

Penso che bisogna essere realistici sulle nostre aspettative di quest’anno. Mercedes dispone di una power unit con un vantaggio stimato di 60 cavalli rispetto a noi. Renault sta lavorando duramente per eliminare questo gap, ma ci vuole tempo. E’ una sfida impegnativa, ma sono fiducioso. Quest’anno bisognerà continuare a lavorare per ridurre questa differenza. Se fossimo in grado di vincere delle gare come la scorsa annata, sarebbe fantastico.

La vettura è stata presentata pochi minuti prima di scendere in pista a Jerez: ha superato in extremis i crash test dopo che si è provato a massimizzare il tempo a disposizione per lo sviluppo. La vettura è talmente particolare che le sue forme sembrano camuffate e c’è chi dice che questa monoposto sarà usata soltanto nei test per poi ritornare alla classica scocca blu. Peccato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>