L’auto diventa un mobile e resta per sempre in casa e nel cuore

di Alba D'Alberto Commenta

Le parti di ricambio delle auto possono essere usate per la realizzazione di originali complementi d’arredo. Non più tanto originali visto che ci sono aziende, creativi ed artigiani già avanti nella produzione di questi singolari mobili. Vi proponiamo una raccolta di proposte di riuso di vecchie parti di automobili

Immaginate di avere un’auto da rottamare, da buttare, considerate che alcune parti di ricambio, o avendo lo spazio anche tutta l’auto, può essere riusata per la realizzazione di elementi di arredo interno ed esterno. L’intuizione è nata dalla considerazione della comodità di alcune vetture che hanno dei sedili spaziosi e accoglienti. Per esempio i sedili posteriori della 500 non sono tra i più comodi del mondo?

Il tetto di una Mini si può trasformare in una scrivania e non solo per finire nell’eccentrico salone di un set cinematografico. Siamo di fronte ad una nuova frontiera dell’arredamento con pezzi unici per uffici, case, negozi, per dare un tocco in più all’appartamento, per far sì che la vetrina non passi inosservata.

Oggi se ne torna a parlare ma l’idea è datata visto che se parlò per la prima volta al 50° salone del Mobile di Milano nel 2011 dove a fare da capofila a questo genere di progetti era stata l’azienda Meritalia, trainata dalle idee e dalla verve di Lapo Elkan che hanno lanciato 4 anni fa il progetto FIAT 500 Design Collection con una capsule dedicata alla macchina icona dell’industria automobilistica tricolore.

Oggi quell’idea lanciata dal rampollo di casa Agnelli ha conquistato tutti i fan del riciclo e il risultato è quanto mai stupefacente. Ecco quattro esempi di riuso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>